menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da visite cardiologiche a vascolari: 38mila prestazioni al poliambulatorio di Jesolo

Primo anno di vita chiuso all'insegna dei grandi numeri. Soddisfato il direttore generale dell'Ulss 4, Carlo Bramezza: "Siamo pronti anche ad implementare altri servizi"

Poliambulatorio di Jesolo, dopo il primo anno di vita è tempo di bilanci. "Nel primo anno di vita il poliambulatorio - ha spiegato il direttore generale dell'Ulss 4, Carlo Bramezza - ha eseguito 38.140 prestazioni specialistiche. Come in poche altre realtà venete siamo riusciti a incardinare una piastra specialistica in una struttura ospedaliera e non più distrettuale, ciò ha permesso agli utenti di avere a disposizione 20 specialità concentrate in un unico edificio evitando di dover rivolgersi all’ospedale e alle sedi territoriali. I risultati confermano la bontà di questa scelta che è un punto di partenza per continuare a crescere: infatti ho in programma l’implementazione di nuovi servizi".

La nuova organizzazione ha permesso di razionalizzare le risorse, dando vita ad una realtà migliore per l’utenza, con nuove specialità e una segreteria aperta tutti i giorni (sabato compreso, dalle 9.30 alle 13.30) per informazioni e assistenza agli utenti. Nel primo anno di vita del poliambulatorio - continua Bramezza - sono state implementate specialità non presenti in passato: ad esempio l’audiometria con l'acquisto di una cabina silente e attrezzature di ultima generazione, l’ambulatorio di chirurgia vascolare, il servizio di monitoraggio nelle 24 ore della pressione arteriosa e holter cardiaco, l’elettrocardiogramma con accesso senza prenotazione e quello pediatrico per ragazzi sempre con accesso diretto, l'attività di senologica. Questa mole di lavoro è stata raggiunta grazie anche all’impegno del personale che lavora nel poliambulatorio con il coordinamento del dottor Loredano Milani per la parte medica e di Daniele Bison per la parte infermieristica: a tutti il mio ringraziamento".

I numeri. Una grande mole di lavoro quella emersa dalle statistiche di rilevazione dell’anno 2016. In primis spiccano le 11.020 prestazioni di cardiologia che includono visite cardiologiche, elettrocardiogramma, monitoraggio con elettrocardiogramma holter ed ecocolordoppler, eco stress, prove da sforzo. Quindi 2521 prestazioni di chirurgia che includono visite chirurgiche, piccoli interventi e l’attività di senologia, 2072 prestazioni di chirurgia vascolare come flebologiche e doppler agli arti inferiori e 3042 prestazioni di endocrinologia e diabetologia. Sono invece 3820 le attività di medicina generale che, oltre alle visite e i piani terapeutici, eroga come attività maggiore i doppler dei tronchi sovraortici e ambulatorio epatologico che sono di riferimento l'Azienda, inoltre le attività degli ambulatori allergologico (unico aziendale) e diabetologico.

Sono stati inoltre ben 6087 le attività di pneumologia che includono un’importante attività di allergologia, visite, vaccini desensibilizzanti, spirometria e visite pneumologiche, 1604 le visite oculistiche e 2233 le visite di medicina sportiva. Da registrare anche 3124 prestazioni di dermatologia caratterizzate dall’attività di crioterapia. Intensa anche l’attività di otorinolaringoiatria con 1224 prestazioni, dove oltre alle visite si aggiungono gli esami audiometrici e il collaudo delle protesi acustiche, nonch le 1186 visite di urologia, ed ancora molte attività di terapia antalgica e di neurologia.

                   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento