Nave da crociera in "stand by" davanti alla Giudecca per avaria: "Torniamo indietro"

E' successo nel tardo pomeriggio di lunedì a Venezia. Il comandante della Marella Discovery 2, che stava partendo dal capoluogo lagunare, ha chiesto di tornare indietro per un problema

Foto dal profilo Twitter No Grandi Navi

Trattandosi di una bestione da 264 metri di lunghezza per 37 di larghezza, il suo "stand by" davanti all'isola della Giudecca con la prua a tratti rivolta verso le Zattere non ha potuto che impressionare. Apprensione dei residenti nel tardo pomeriggio di lunedì a Venezia per un presunto problema alle macchine segnalato dal comandante della nave da crociera "Marella Discovery 2", che non se l'è sentita di proseguire.

marella-2

"Retromarcia"

Il responsabile dell'imbarcazione, costruita nel 1995, ha quindi contattato la centrale operativa della capitaneria di porto, spiegando che non se la sentiva di mettersi in viaggio senza accertare prima che tutto fosse in regola. Per questo motivo i rimorchiatori che trainano le grandi navi fuori dalla laguna hanno invertito la loro direzione di marcia: di solito se ne posizionano a poppa e a prua, dunque la "Marella" a un certo punto ha iniziato a navigare in "retro", se così si può dire.

Video del Comitato No Grandi Navi (Twitter)

Rientro in Marittima

Alle 19.25 stava per fare il suo nuovo ingresso in Marittima, in attesa di essere sottoposta alle verifiche del caso. Un episodio che riporta d'attualità l'annoso dibattito sulla necessità di evitare che le imbarcazioni da crociera transitino ancora per il Canale della Giudecca. Tutti sono d'accordo (e le istituzioni coese si stanno muovendo per la soluzione Porto Marghera) ma ancora i condomini del mare continuano nonostante tutto a frapporsi di volta in volta tra il campanile di San Marco e quello di San Giorgio.

daniela bortolini-2

"Via le grandi navi, non aspettiamo il disastro"

"Non vogliamo aspettare il disastro per farci dire che avevamo ragione - dichiarano gli aderenti al comitato No Grandi Navi - Per oltre 30 minuti la nave Marella Discovery 2 è rimasta con i motori in avaria, ferma nel canale della Giudecca. Impressionante quando, con il vento, la poppa della nave si è avvicinata pericolosamente alla riva delle Zattere, puntando la prua verso la Giudecca e costringendo vaporetti e altre imbarcazioni a manovre eccezionali. D'urgenza è intervenuto un terzo rimorchiatore per riportare la nave in porto di poppa. Ciò che è accaduto dimostra che abbiamo ragione e che la violenza del passaggio delle grandi navi in laguna deve cessare. Per questo invitiamo ancora una volta tutte e tutti in piazza il prossimo 10 giugno, alla Marcia per la dignità di Venezia. Non aspettiamo che sia troppo tardi"

Musolino: "Eccellenza nella gestione della sicurezza"

"Quanto accaduto oggi fa emergere con forza l'eccellenza nella gestione della sicurezza della navigazione del Porto di Venezia - ha commentato il presidente dell'Autorità portuale, Pino Musolino - Le ordinanze relative al rimorchio e al pilotaggio, un unicum per il nostro porto, garantiscono infatti che vi sia, anche in situazioni di emergenza, una gestione scrupolosa e attenta. E' grazie al coordinamento della Capitaneria di porto con l'Autorità di sistema portuale, ma anche al lavoro dei piloti e dei rimorchiatori, cui va il mio plauso, che la sicurezza viene garantita ed è elemento centrale per lo scalo di Venezia. Un'attenzione che non diminuirà certamente quando, finalmente, grazie all'applicazione di quanto definito nel corso del Comitatone del 7 novembre scorso, i transiti attraverso il canale della Giudecca subiranno una decisa diminuzione, per numero, stazza e dimensioni delle navi. In tal senso dal nuovo governo ci attendiamo quanto prima un segnale positivo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento