Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Si rompe il tavolo dell'integrativo in prefettura: sciopero Avm Actv il 6 marzo

Un nuovo «nulla di fatto» mercoledì. Le sigle hanno confermato l'astensione con una manifestazione alla stazione di Venezia. «Coinvolgeremo la città»

A un mese dallo sciopero dell'8 febbraio scorso c'è stato un nuovo «nulla di fatto» per i sindacati del trasporto pubblico locale veneziano, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl e Usb, al tavolo in prefettura di oggi, mercoledì 24 febbraio. Le sigle hanno confermato lo sciopero annunciato, per il 6 marzo, con un manifestazione alla stazione di Venezia. Il fallimento delle trattative, che i sindacati avevano detto di temere 5 giorni fa, si è concretizzato. 

«Nessun passo avanti per superare la disdetta - ha detto Valter Novembrini Cgil - Nessun suggerimento accolto da Avm, neppure dopo le mozioni della regione e del Consiglio comunale. Un atteggiamento a mio avviso rigido e irresponsabile. Lo sciopero in programma non è solo a difesa dell'integrativo e degli accordi della contrattazione di secondo livello, ma a tutela del diritto di mobilità e del servizio pubblico cittadino. Lo difendiamo, anche se Avm Actv in questa battaglia non ha scelto di stare con il lavoro». La proclamazione dell'astensione è unitaria. Domani, giovedì 25 febbraio, le sigle hanno convocato una conferenza stampa per spiegare le iniziative in programma il 6 marzo per coinvolgere la città».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si rompe il tavolo dell'integrativo in prefettura: sciopero Avm Actv il 6 marzo

VeneziaToday è in caricamento