menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cona, fuori dalla base per la Via Crucis: una cinquantina di profughi alla processione

I cattolici ospitati nel centro di accoglienza di Conetta hanno partecipato alla cerimonia religiosa di venerdì. Il parroco: "Esperienza positiva, sono amici. Vengono sempre a messa"

Cittadini e profughi insieme per la solidarietà e per mostrare, concretamente, cosa significa accogliere. È il senso della Via Crucis svoltasi venerdì sera a Cona, cittadina che dal luglio scorso ospita centinaia di migranti all'interno della ex base militare allestita a centro di accoglienza. Erano una cinquantina, forse più, i cattolici che hanno partecipato alla processione religiosa partita alle 20.45 dalla chiesa del paese.

"Siamo stati con gli amici della base di Conetta - racconta il parroco don Stefano - Le stesse persone che ogni domenica vengono a messa. È stata un'esperienza positiva, come lo è stato fin dal loro arrivo in luglio, quando sono stati accolti dalla nostra gente". Quella di venerdì è stata una cerimonia sentita e partecipata. Sei stazioni, di cui cinque all'aperto e una nella chiesa, un'ora e mezza di raccoglimento silenzioso. Una cerimonia all'insegna della solidarietà, tutti uniti nella preghiera tra i lumini accesi e i volti di chi fugge dalla miseria alla ricerca di un futuro miliore.

"Il dolore non ha colore - dice il vescovo di Padova, monsignor Claudio Cipolla - Così come la sofferenza e la disperazione. Vogliamo che la parola accoglienza non sia solo una parola vuota: per noi è stato un gesto concreto di amore, un'occasione per fare sentire accolte queste persone. Il colore, la provenienza, non hanno nessuna importanza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento