menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Altri cinquanta profughi a Eraclea, il sindaco Talon: "Sconcertante"

Mercoledì mattina intervento dell'Enel per gli allacciamenti a Ca' Turcata. Martedì ennesimo trasferimento nonostante le proteste della località

Continuano ad arrivare profughi a Eraclea, nonostante i sindaci del litorale abbiano chiesto anche al presidente del Consiglio di non inviare migranti nelle località turistiche. Cinquanta le persone trasferite nella giornata di martedì nel "famoso" residence Magnolie, ormai da una decina di giorni nel mirino di operatori e residenti per i suoi nuovi ospiti. La paura, infatti, è che piovano disdette da parte dei turisti, desiderosi di trascorrere le proprie ferie lontani dalle polemiche. Fatto sta che la prefettura, costretta a vivere "alla giornata", forse non ha altre alternative che continuare ad appoggiarsi a una delle uniche strutture ricettive private che hanno dato la propria disponibilità nel Veneziano.

Il tutto in attesa che i lavori di messa a punto dell'ex caserma di Ca' Turcata siano ultimati, struttura situata a chilometri dal centro della località balneare. In posizione defilata. "E' sconcertante che il sindaco sia stato informato ufficialmente solo in serata dell'arrivo dei profughi - dichiara il primo cittadino Giorgio Talon - Allo stato non è possibile capire quanta gente si trovi nel residence". Martedì si è tenuto anche un incontro con gli operatori turistici e commerciali, i quali hanno sollecitato i lavori a Ca' Turcata. Gli interventi in effetti sono iniziati, con l'Enel che proprio mercoledì era al lavoro per gli allacciamenti.

Dopodiché entro giovedì dovrebbe essere chiusa la partita del bando pubblico per l'assegnazione della fornitura dei container. Insomma, dalla prossima settimana potrebbe vedersi qualche tangibile passo avanti sul fronte dell'accoglienza ai profughi, che finché l'ex caserma non sarà rimessa a norma staranno nell'area verde del compendio su casette mobili. A una condizione che poi si vedrà se verrà rispettata: che il numero di profughi non sia superiore a quello dei migranti ospitati inizialmente nel residence di Eraclea Mare.

Intanto mercoledì la prefettura ha annunciato che nelle ultime ore sono arrivati 155 migranti provenienti dai luoghi di sbarco nelle province di Messina e Palermo. Di questi trenta hanno trovato ospitalità nel Veneziano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Attualità

Federica Pellegrini stasera al Festival di Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento