Richiedenti asilo accerchiati e picchiati per strada: aggressori in fuga a Portogruaro

E' accaduto domenica verso le 19 in viale Trieste. Tre i giovani feriti che hanno raggiunto il pronto soccorso. Una quindicina i rivali poi scappati prima dell'arrivo dei carabinieri

Avrebbe possibili contorni razzisti l'aggressione che si è registrata a Portogruaro, in viale Trieste, domenica sera. Al termine della zuffa tre richiedenti asilo di origini africane, ospitati in una villetta di via Leonardo Da Vinci, sono finiti al pronto soccorso a causa dei traumi subiti. Calci e pugni, almeno secondo alcuni testimoni che si sono chiesti cosa stesse succedendo a causa delle urla.

Giovani accerchiati

Sarebbe accaduto verso le 19: un gruppetto di una quindicina di persone avrebbe accerchiato due ragazzi di colore, uno sarebbe nigeriano, apostrofandoli con epiteti razzisti. Cosa sia successo prima è al vaglio dei carabinieri: è possibile che uno degli aggrediti sia stato appellato in malomodo da uno del gruppetto mentre usciva da un supermercato, dopodiché gli animi si sarebbero incendiati. Con l'arrivo dei rinforzi dall'una e dall'altra parte. 

Calci e pugni

A quel punto sarebbero scattate le violenze, anche nei confronti di un terzo ragazzo sopraggiunto per difendere i due "coinquilini". I residenti hanno chiamato i carabinieri: una volta intervenuti, però, il gruppo di aggressori si era già allontanato a bordo di alcune automobili. I militari dell'Arma hanno raccolto le testimonianze di chi ha assistito alla scena, cercando di raccogliere elementi utili per identificare almeno i veicoli su cui sono saliti i fuggitivi. I richiedenti asilo avrebbero raggiunto di corsa la propria abitazione, mentre i rivali li avrebbero rincorsi lanciando tubi e altri oggetti trovati nel tragitto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tre al pronto soccorso

I tre feriti avrebbero riportato contusioni al volto, alle braccia e alla nuca con una prognosi di 10, 15 e 30 giorni nel caso più grave (infrazione al naso). "A seguito di questo gravissimo episodio di violenza razzista l'Associazione Migranti Venezia Orientale organizzerà nei prossimi giorni adeguate iniziative di risposta", dichiara in una nota l'associazione. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Bollettino contagi e ricoveri per Covid-19 domenica mattina, regione e provincia

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

  • Coldiretti Venezia: si raccolgono adesioni per il lavoro in campagna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento