menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giornata della Cooperazione 2013 Ecco i progetti europei di Venezia

Il Comune illustra "Central Markets" e "Second Change", le due recenti iniziative avviate con fondi europei. Parla la dirigente Paola Ravenna

“Second Markets” e “Second Chance”: sono i due progetti europei sul tema della Cooperazione a cui prende parte il Comune di Venezia, illustrati ieri dalla dirigente comunale del Servizio Politiche Comunitarie, Paola Ravenna. L’occasione era il seminario “Il Veneto e le buone pratiche di cooperazione territoriale europea” organizzato lunedì dalla Regione per celebrare la Giornata Europea della Cooperazione. Negli ultimi sette anni il Comune di Venezia ha partecipato a 28 progetti internazionali inerenti a queste tematiche, di cui 9 come capofila e 19 come partner, ottenendo complessivamente 5 milioni 300 mila euro di finanziamenti europei.

“Central Markets” è un progetto già entrato nel vivo che si concluderà a dicembre 2014, il Comune di Venezia recita il ruolo di coordinatore. Al progetto partecipano altri nove partner di sei Paesi diversi dell'Europa Centrale, per un totale di otto città coinvolte, e si propone di elaborare strategie per la rivitalizzazione e la promozione dei mercati tradizionali nelle città. Partendo dal presupposto che i mercati hanno un ruolo cruciale nell’economia e nella cultura di questi centri urbani, “Central Markets” mira a farli diventare poli di attrazione economica, culturale, sociale e turistica. A Venezia, in particolare, il progetto produrrà una mappatura dei mercati esistenti, la cui analisi permetterà di sviluppare strategie ed interventi capaci di animare e rivitalizzare i mercati tradizionali. Verrà inoltre realizzato uno studio di fattibilità per un nuovo mercato coperto in terraferma. Il valore complessivo del progetto è di oltre 1 milione 175 mila euro: a Venezia, fa sapere l’amministrazione comunale, arriverà un finanziamento pari a 195mila euro.

Il progetto “Second Chance” si è invece chiuso a giugno ha visto Venezia impegnata in qualità di partner. L’obiettivo è stato quello di realizzare azioni di recupero e rivitalizzazione di siti post-industriali, tramite attività culturali rivolte alla cittadinanza, promuovendo partenariati pubblico-privati. Per Venezia – la cui parte di finanziamento era pari a 207mila euro - l’azione pilota si è concentrata sull’Arsenale, e in particolare sulla Torre di Porta Nuova, per trasformarla in un centro espositivo e culturale, preservandone l'integrità storica.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento