rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Cronaca Chioggia

Ferrovia, ciclabili e itinerari fluviali tra Chioggia e Po: accordo per 25 milioni dal Pnrr

Zaia: «Un ambizioso progetto che mette in sinergia il trasporto ferroviario, la navigazione e la bicicletta, guidando lo sviluppo economico e ambientale del Delta del Po»

La Regione firma un doppio accordo di programma per la mobilità green nel Veneto meridionale: progetti per 25 milioni di euro provenienti dal Pnrr che vedono coinvolti, ciascuno per quanto di propria competenza, l’ente Parco regionale del Delta del Po, Veneto Strade e la società Infrastrutture Venete.

Il progetto prevede lo sviluppo di piste e itinerari ciclabili nel parco (17,2 milioni) e l'acquisto di locomotori e carrozze da destinare alle linee ferroviarie Adria-Mestre e Rovigo-Chioggia, oltre alla ristrutturazione e nuova costruzione di pontili in ambito fluviale e lagunare (5 milioni). Resta nella competenza dell’ente Parco l’attuazione di altri interventi, per un totale di 2,8 milioni, come stabilito da un precedente accordo con la giunta regionale.

Il progetto, secondo il governatore Luca Zaia, permetterà di «completare l’offerta turistico-culturale dell’ultima tappa del lungo viaggio del fiume Po verso il mare, grazie a una rete di infrastrutture efficiente e intermodale che costituisce un fondamentale valore aggiunto per la valorizzazione della mobilità lenta. Parliamo di investimenti importanti su rotaia, fiume e laguna, che consentiranno di collegare una rete di oltre 150 chilometri di tracciati ciclabili con i centri abitati del Lido di Venezia, Chioggia, Rosolina, Porto Viro, Taglio di Po, Adria, Bottrighe, Corbola, Ariano, Porto Levante e con accesso diretto alle stazioni di Chioggia, Rosolina e di prossimità ad Adria. Percorsi che daranno continuità agli itinerari dell’Emilia-Romagna, di Mesola e Goro, collegando così tra loro i due assi ciclopedonali nazionali delle ciclovie Vento e Adriatica». Il progetto, infatti, vede la collaborazione con l'Emilia-Romagna, che a sua volta avrà a disposizione altri 30 milioni di euro.

Gli accordi di programma concludono un iter articolato, che ha visto dapprima un disciplinare tra ministero della cultura, Veneto ed Emilia-Romagna, volto a definire le modalità di svolgimento della collaborazione; quindi l’attivazione di una cabina di regia costituita dalle due regioni e dai due enti Parco regionali, infine l’approvazione di un documento di strategia condivisa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrovia, ciclabili e itinerari fluviali tra Chioggia e Po: accordo per 25 milioni dal Pnrr

VeneziaToday è in caricamento