rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca Santa Croce / Piazzale Roma

In arrivo l'Ok da palazzo Chigi per la "nuova" Cittadella della giustizia: "Fine lavori in 3 anni"

La giunta comunale ha approvato la bozza di convenzione che sarà sottoscritta anche dal governo. Intervento da 17 milioni di euro. Il sindaco: "Accorperemo gli uffici giudiziari"

La giunta comunale ha approvato la bozza di Convenzione che sarà sottoscritta tra la presidenza del Consiglio dei Ministri e Ca' Farsetti lunedì prossimo a Palazzo Chigi per ottenere il finanziamento del progetto “Cittadella della Giustizia – 2° lotto” con il quale l’amministrazione ha partecipato al Bando Periferie indetto dal governo. Si trattava di una gara d'idee stimolata dall'Esecutivo che poi ha trovato finanziamento a tutte le opzioni presentate dagli enti locali, compreso appunto il progetto di riqualificazione della cittadella (che in graduatoria era finito nelle retrovie). Tant'è. I soldi l'amministrazione comunale li ha portati a casa lo stesso. Il progetto è finanziato per 17.173.070 euro, dei quali 12.536.000 euro a titolo di co-finanziamento a valere sul Bando, consiste nella prosecuzione del recupero dell'Ex Manifattura Tabacchi per l’insediamento in un’unica area degli uffici giudiziari e dei relativi servizi presenti in centro storico. L’intervento interessa gli edifici 9-10-11-14-15 della struttura per una superficie di 9.500 metri quadri, dei quali 8.150 da ristrutturare. 

"Quasi tutti gli uffici giudiziari accorpati"

“La realizzazione dell'intervento – commenta il sindaco Luigi Brugnaro - consentirà il trasferimento della sede del Tribunale civile dall'attuale sede di Rialto, risolvendone i problemi legati all'attuale isolamento rispetto agli altri uffici giudiziari già collocati nela Cittadella della Giustizia. La realizzazione del progetto comporterà vantaggi di tipo logistico consentendo l‘innovazione tecnologica e l’incremento della sicurezza grazie alla riunificazione, in un'unica nuova sede, delle funzioni oggi in parte ancora dislocate in aree diverse della città. Quasi tutti gli uffici giudiziari saranno concentrati a piazzale Roma, garantendo facilità di accesso sia agli operatori che ai cittadini".

Fine dei lavori entro 3 anni

Secondo Ca' Farsetti, la conclusione dell'intervento dovrebbe arrivare entro meno di 3 anni dalla sottoscrizione della convenzione: "Si tratta di un’opera che avrà importantissimi risvolti per la città – continua il primo cittadino - e tra questi, per esempio, potremmo dare nuova vita al complesso Ex Manifattura Tabacchi, che da anni era abbandonato, andremo a migliorare il decoro urbano dell'area di piazzale Roma, si potrà garantire un minor traffico e una riduzione del moto ondoso in Canal Grande grazie alla riduzione dei viaggi dei natanti di servizio che fanno la spola tra le due sedi del Tribunale e, di conseguenza, anche l’eliminazione del pendolarismo “giudiziario”, delle centinaia di persone che quotidianamente gravano sugli uffici giudiziari, con conseguente riduzione della pressione sul centro storico".

In dirittura d'arrivo anche gli altri progetti

Intanto proseguono il loro iter verso il finanziamento anche i progetti presentati per il territorio provinciale: si tratta di 20 cantieri che potrebbero vedere la luce nel prossimo futuro. La Città metropolitana in questo senso ha approvato una bozza di convenzione che, dopo la sottoscrizione del Consiglio dei ministri, darà il via ai lavori. Ca' Corner otterrà un finanziamento di 38.727.000 euro su un totale di 55.398.000 euro, di cui 23.375.000 euro sono ulteriormente destinati a interventi che riguardano Venezia: ossia la riqualificazione della stazione ferroviaria di Porto Marghera per un costo totale di 7,6 milioni di euro (dei quali circa 3,8 milioni finanziati dal Bando e oltre 3,7 milioni da RFI); la manutenzione, riuso e rifunzionalizzazione del Palazzo ex Casinò al Lido per un impegno complessivo di 13.375.000 euro )dei quali oltre 10 milioni dal Bando e la restante parte divisi tra investitore privato e pubblico); ulteriori interventi di miglioramento della sicurezza territoriale con potenziamento delle celle segnale G5 nelle stazioni di Mestre e di Santa Lucia e a piazzale Roma per un importo di 900mila euro a carico per 270mila al Bando e la restante parte a un finanziamento privato e la manutenzione, riuso e rifunzionalizzazione dei forti di Mestre con il miglioramento della sicurezza territoriale per un importo complessivo interamente a carico del Bando per 1,5 milioni di euro.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In arrivo l'Ok da palazzo Chigi per la "nuova" Cittadella della giustizia: "Fine lavori in 3 anni"

VeneziaToday è in caricamento