menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giardini Reali: un tesoro veneziano poco conosciuto che tornerà al vecchio splendore

I lavori dovrebbero concludersi entro il 2018. Inizio a maggio. Il caffè servirà ad autofinanziare il successivo mantenimento e la cura di altre aree verdi del centro storico

Entro il 2018 un gioiello poco noto di Venezia sarà restituito alla città e ai suoi visitatori: si tratta dei Giardini reali, nati su decisione napoleonica nel 1806 e portati a compimento nel 1815 sotto la dominazione austriaca, a completamento del Palazzo Reale - cui vennero adibite all'epoca le Procuratie Nuove – e concepiti per creare un collegamento tra il fronte acqueo del Bacino di San Marco con l'area marciana.

VIDEO DAL PROFILO TWITTER DI GENERALI

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La presentazione del progetto di restauro, che inizierà a maggio ed è promosso dalla Venice Gardens Foundation onlus, è avvenuta venerdì al Padiglione Santi, storico caffè dei Giardini stessi, con una conferenza stampa alla quale sono intervenuti il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, la presidente della Venice Gardens Foundation, Adele Re Rebaudengo, l'amministratore delegato di Assicurazioni Generali, Philippe Donnet – partner unico del restauro -, il direttore generale dell'Agenzia del Demanio, Roberto Reggi, Anna Chiarelli della Soprintendenza di Venezia e i progettisti che curano il giardino botanico, Paolo Pejrone, e la parte architettonica, Alberto Torsello.

giardini reali per testo-2

“Ringrazio chi ha contribuito a realizzare questo prestigioso progetto – ha esordito il sindaco Brugnaro – dalla Venice Gardens Foundation allo sponsor, ma anche lo stesso ministro Dario Franceschini, per la sua lungimiranza nel credere nella cultura economica. E' infatti grazie all'introduzione dell'Art Bonus che ha concretamente incentivato l'investimento dei privati nel recupero del patrimonio pubblico. Un grazie va però anche ai gondolieri e alle associazioni – ha proseguito il primo cittadino - i quali hanno accettato piccoli cambiamenti che permetteranno di realizzare il recupero completo del complesso dei Giardini reali, in tutte le sue funzioni. Questo progetto è un bell'esempio di rapporto tra pubblico e privato realizzato in un'ottica di sussidiarietà. Venezia è un simbolo per l'Italia e se ce la facciamo a dimostrare che riusciamo a dare un futuro ai giovani qui, diamo un segnale all'intero Paese”.

La Venice Gardens Foundation, che fa parte dei Comitati privati internazionali per la salvaguardia di Venezia, è stata costituita nel 2014 per il recupero e la gestione di giardini e beni storici: risale in particolare al 23 dicembre di quell'anno la firma della Concessione di valorizzazione tra la Fondazione, l'Agenzia del Demanio e il Comune di Venezia, finalizzata al restauro, alla conservazione, manutenzione e gestione dei Giardini Reali per 19 anni.

In particolare verrà realizzato il restauro botanico e paesaggistico dei giardini, che punterà sulla semplicità, riprendendo l'idea originaria, austriaca, che era quella di creare un'atmosfera mediterranea. Per quanto riguarda la parte monumentale, saranno invece oggetto di intervento il Padiglione neoclassico di Lorenzo Santi, il pergolato che attraversa i giardini, e la serra, che verrà ripristinata nella struttura, ma adibita ad altro uso (ossia in parte a caffè, annesso al Padiglione, in parte a sede polivalente della Fondazione, e in parte infine a servizi igienici pubblici). Elemento fondamentale del progetto sarà poi il restauro del ponte levatoio che collega i Giardini reali con Piazza San Marco e con il sistema museale dell'area marciana, che permetterà di ripristinare il collegamento diretto con il fronte Bacino.

Il recupero dei Giardini reali rappresenta comunque solo un punto di partenza, sia per la fondazione che per lo sponsor: i ricavi del caffè andranno infatti per la manutenzione e la gestione del sito, ma anche per eventuali ulteriori restauri di giardini in città, mentre Generali punterà alla riqualificazione delle Procuratie Vecchie, con un progetto, condiviso con Soprintendenza e Comune di Venezia, volto a farle diventare un luogo di incontro e apertura a livello internazionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento