Cronaca

Separazione tra Venezia e Mestre, i comitati: "Vale 120 milioni di euro"

Secondo i promotori del referendum la nascita di due Comuni indipendenti comporterebbe un grande risparmio, grazie al taglio di assessori e consiglieri

Una separazione che vale 120 milioni di euro, grazie ai tagli della "macchina burocratica" che ne deriverebbero. È il risultato di uno studio commissionato dal comitato "Mestre-Venezia due grandi città" e dal movimento per l'autonomia di Mestre "Piero Bergamo". E i dati saranno presto consegnati ai consiglieri comunali. Nel frattempo lo studio è già consultabile sul sito del comitato (https://mestreveneziaduegrandicitta.info/)

L'analisi evidenzia come, prima del commissariamento, il Comune unico contava 46 consiglieri tra Venezia, isole, e terraferma, 135 consiglieri delle sei municipalità, un vicesindaco, undici assessori e 3mila dipendenti. Facendo i conti, i comitati sostengono che le spese ammonterebbero a quasi 28 milioni di euro all’anno, a cui vanno sommate le spese di funzionamento per circa 160 milioni di euro: in totale, quasi 187 milioni di euro all’anno, pari a 694,50 euro pro capite.

Secondo i due comitati la separazione porterebbe a un vantaggio ben quantificabile, dal momento che Mestre risulterebbe Comune sotto i 250mila abitanti e Venezia sotto i 100mila, ma capoluogo di provincia. Quindi, ciascuno avrebbe 32 consiglieri comunali e massimo 10 assessori. Le due amministrazioni verrebbero a costare 26 milioni a Venezia e 41 milioni a Mestre, con un risparmio ipotetico complessivo di 120 milioni di euro all’anno, realizzabile attraverso eliminazione delle costose municipalità, blocco delle assunzioni e razionalizzazione dei servizi.

"Lo studio sui benefici derivanti dalla creazione dei due Comuni di Mestre e di Venezia conferma che dividersi non costa nulla - sottolinea Marco Sitran, promotore del referendum - Anzi, ci sarebbe un notevole risparmio sulla spesa pubblica". I comitati hanno reso disponibile in anteprima un estratto dello studio perché "i prossimi giorni saranno cruciali. Se si volesse, la meritevolezza si potrebbe votare entro Natale, in tempo utile affinché alle prossime elezioni amministrative si possa votare per due sindaci, per due grandi città".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Separazione tra Venezia e Mestre, i comitati: "Vale 120 milioni di euro"

VeneziaToday è in caricamento