menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Propaganda all'Isis ma niente arresto: poi fugge dal centro di accoglienza

Protagonista della vicenda il 26enne sudanese A.T., ospitato inizialmente a Jesolo. Il pm aveva chiesto l'ordine di cattura, ma gip e tribunale hanno respinto la richiesta

Chiede lo status di rifugiato politico, intanto fa propaganda dello Stato islamico. È la storia di A.T., 26enne sudanese giunto in Italia nel febbraio 2015 dopo un travagliato viaggio tra deserto e mar Mediterraneo, quindi accolto con tanti altri profughi nella ex colonia marina di Jesolo ora gestita dalla Croce Rossa. Solo che, come riportano i quotidiani locali, una volta lì dentro si sarebbe attivato per diffondere il verbo dell'Isis e anche, pare, per fare proseliti. Raccontando di far parte delle milizie del gruppo terroristico.

A denunciarlo sarebbe stato un altro degli ospiti del centro di accoglienza, evidentemente contrario a quelle idee. Così sul posto a marzo erano intervenuti gli agenti della Digos, appurando dal sequestro del cellulare che il giovane si era scaricato diversi video dell’Isis. Nessuna prova, però, di contatti tra lui e fondamentalisti islamici. Il 26enne è stato trasferito in un centro Caritas di Roma, intanto il pm ha chiesto per lui un'ordinanza di custodia cautelare che però è stata rifiutata dal gip perché, tutt'al più, lo si poteva accusare di apologia e non del più grave reato di reclutamento nelle file delle milizie terroristiche. La decisione è stata confermata martedì dal tribunale per il riesame.

Nel frattempo la richiesta dello status di rifugiato politico è stata respinta, ma il suo avvocato ha presentato appello. L'espulsione non è possibile, perché il Sudan è un Paese in guerra e lì non può essere rispedito: e comunque bisogna attendere l'esito del ricorso del legale. In tutto questo, infine, il 26enne è sparito: si è allontanato dal centro di accoglienza di Roma e non vi ha più fatto ritorno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento