rotate-mobile
Cronaca Marghera

Uomini "assediati" dalle prostitute a Marghera e derubati degli ori

Un piano consolidato: vittima avvicinata con l'offerta di una prestazione da alcune donne. Poi il furto. Nove denunciate, trenta gioielli sottratti

Continuano a saltare fuori collanine rubate e prostitute all'assalto di uomini più o meno consapevoli di trovarsi di fronte a donne che offrono il loro corpo. O meglio, la richiesta ai malcapitati se vogliano o meno consumare un rapporto sessuale arriva alla luce del sole. Solo che l'obiettivo delle ragazze (alcune giovani, altre meno) è un altro rispetto a un approccio a pagamento.

QUATTRO DENUNCIATE, ORA SI ARRIVA A NOVE

Loro puntano ai gioielli che le vittime hanno al collo. Sul "più bello", e con destrezza, strappate di dosso in un amen all'uomo di turno senza che quest'ultimo neanche se ne accorga. I blitz tutti nell'area di Marghera. Dopo la prima denuncia di qualche mese fa di un mestrino, sono saltate fuori altre vicende simili. Fino ad arrivare alla segnalazione alla magistratura di nove ragazze bulgare di etnia rom per furto e allo smantellamento di alcuni alloggi di fortuna delle stesse nella zona delle Vaschette (dove peraltro poteva accadere che ricevessero i clienti in un camper).

Accertati sette episodi simili, ma gli agenti del commissariato di Marghera sono convinti che siano molti di più. Lo deducono dal fatto che le donne, a furto perpetrato, si recavano in alcuni compro oro della zona per monetizzare subito quanto trafugato. Sarebbero trenta i monili finiti nel mirino. Altrettante, quindi, potrebbero essere state le aggressioni durante approcci o rapporti sessuali più o meno consenzienti (a volte le vittime avvicinate rifiutavano le offerte delle donne ma venivao comunque palpeggiati per essere distratti).

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uomini "assediati" dalle prostitute a Marghera e derubati degli ori

VeneziaToday è in caricamento