menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Non un euro in busta paga da aprile": i camionisti si fermano

Lunedì, alle 10.30, scatterà il blocco davanti alla sede dell'Ilva di Marghera. 300 autotrasportatori venterebbero un credito di 5 milioni

Trecento camionisti che non vedrebbero un centesimo dallo scorso aprile. Un credito non saldato che sfiorerebbe i 5 milioni di euro. Sono i numeri della protesta indetta, come riportano i quotidiani locali, per lunedì, dalle 10.30, davanti all'ingresso dello stabilimento dell'Ilva, in via dei Sali a Marghera. Il blocco, organizzato da Confartigianato Trasporti Venezia, Fai Veneto e Cna Fita Vineto, arriverebbe dopo alcuni incontri con i vertici dell'azienda, di cui l'ultimo lo scorso 7 novembre, che non si sarebbero conclusi con l'ottenimento delle garanzie sperate.

L'Ilva, che ha la sua sede a Taranto, possiede uno stabilimento anche a Marghera. Qui arrivano le merci via mare e da qui ripartono per le destinazioni finali. Protagonisti di quest'ultima fase di smistamento, centinaia di autotrasportatori che, a seguito degli scandali che hanno travolto la società, si sarebbero ritrovati, dallo scorso aprile, senza un soldo in busta paga. Da lunedì, quindi, l'agitazione bloccherà i trasporti di merci per conto dell'acciaieria. La richiesta: garanzie minime di regolarità negli stipendi e dialogo con i lavoratori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento