No Gpl, durante la prova sirene riparte la protesta

Cittadini e comitati contro l'impianto di stoccaggio previsto a Chioggia. Dimostranti alle 14 di lunedì con striscioni e manifesti al Comune. «Riparta il tavolo tecnico o ci faremo sentire a Roma»

Protesta contro il gpl a Chioggia

Lunedì ore 14 a Chioggia. Come annunciato parte la prova sirene del deposito di stoccaggio di gpl a Chioggia. E inizia anche la mobilitazione al Comune di comitati e cittadini di ogni età che l'impianto in città non lo vogliono. Nulla è cambiato. Il governo sì. Infatti, spiega Roberto Rossi dei No gpl, «abbiamo ripreso i contatti con il ministero dello Sviluppo economico e stiamo cercando interlocuzioni con quelli dei Trasporti e dell'Ambiente. Contiamo, speriamo, entro fine mese di ottobre, di far riattivare il tavolo tecnico partito lo scorso gennaio, in caso contrario - annuncia - faremo una manifestazione a Roma entro metà novembre». Danilo Toninelli dei 5 Stelle, ex capo del dicastero delle Infrastrutture, non c'è più. Occorre riavviare i contatti. Territorialmente le proteste. Nazionalmente la diplomazia e, se non basta, le dimostrazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bandi e ricorsi

Il 26 settembre scorso sono scaduti i termini per la pubblicazione del bando di assegnazione dell’incarico di redazione di un documento tecnico sui rischi e l’incompatibilità del deposito. «Un bando al ribasso mentre la città ha bisogno di uno studio approfondito che contempli tutti gli scenari - scrive il comitato - in tutte le fasi di funzionamento dell’impianto (navi gasiere, deposito e autobotti), che lo studio della Socogas non ha previsto. Dal Comune attendiamo il documento Erir (elaborato rischi incidenti rilevanti), promesso da tempo e base per la discussione con i ministeri, con la Regione e le istituzioni coinvolte. Inoltre sabato 28 settembre è terminato il periodo per la presentazione del ricorso, alle sezioni riunite della Cassazione, contro la sentenza del Consiglio di Stato. Questa ha individuato nel Comune il titolare dell’autorizzazione paesaggistica. Che spetta invece alla commissione di Salvaguardia istituita dalla legge Speciale per Venezia. Ma il Comune - concludono i No gpl - non ha dato alcun segnale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

  • Fiori d'arancio in casa Panatta: Adriano sposa la sua Anna a Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento