Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Proteste degli inquilini Ater anche a Venezia, il monito di Speranzon

Sit-in stamattina in varie città. Il presidente dell'azienda di edilizia residenziale avverte: «Chi si autoriduce il canone rischia lo sfratto»

Si sono svolte oggi manifestazioni e sit-in in vari capoluoghi del Veneto, compresa Venezia, organizzate da inquilini di alloggi popolari che chiedono il ritiro della nuova legge sull'edilizia residenziale pubblica, accusata di aumentare pesantemente i canoni. Nonostante le rassicurazioni dell'assessore Lanzarin, le proteste potrebbero proseguire e qualcuno suggerisce di attuare una sorta di "disobbedienza civile": «Gli inquilini Ater pagheranno il canone vecchio come forma di lotta», ha annunciato Rifondazione Comunista Polesana. A Venezia i manifestanti si sono incontrati in fondamenta del Magazen, a piazzale Roma, davanti alla sede dell’Ater.

Proteste

«Siamo aperti a indicazioni e suggerimenti - ha commentato il presidente dell'Ater Venezia, Raffaele Speranzon - ma chi sta fornendo agli inquilini l’indicazione di violare la nuova legge regionale e non pagare i nuovi canoni si deve anche assumere la responsabilità di quanto sta dicendo, perché applicarsi un’autoriduzione dell’affitto significa maturare della morosità, e dopo quattro mesi l’Ater dovrà avviare per queste persone il procedimento di sfratto. Si rischia dunque di passare dalla parte del torto e perdere il diritto all’assegnazione». Non solo: «Ognuno ha il diritto di manifestare - ha aggiunto   - Spiace solo quando questo non avviene nel rispetto delle persone, dei lavoratori. Le offese che sono state rivolte all’Ater e ai suoi dipendenti stamattina non sono in alcun modo giustificabili».

Regione pronta a dei correttivi

 «La Regione ha aperto la porta al confronto e a dei correttivi della normativa, con i tavoli tecnici si studieranno le varie casistiche - ha concluso -. Se alcuni inquilini stanno pagando delle somme superiori rispetto a quanto dovrebbero avranno dei conguagli. Ma “protestare” con la morosità non è la strada giusta. Lancio un messaggio forte ai nostri inquilini, quello di non ascoltare chi sta suggerendo di non pagare il nuovo importo dell’affitto, perché non sta facendo il vostro interesse e rischia di far decadere il vostro diritto di assegnatari. Rivolgetevi agli uffici dell’Ater per avere informazioni».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proteste degli inquilini Ater anche a Venezia, il monito di Speranzon

VeneziaToday è in caricamento