Cronaca

Situazione precaria, operatori scolastici in stato di agitazione

I sindacati si preparano ad un presidio per martedì mattina dopo quello che considerano il fallimento del tavolopolitico e si rivolgono al Miur

Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti Uil hanno proclamato lo stato di agitazione delle lavoratrici e dei lavoratori occupati negli appalti di pulizia e servizi ausiliari presso gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, con presidio il giorno 15 ottobre, dalle 9 alle 11 presso la Prefettura di Venezia

IN BILICO - Le organizzazioni sindacali hanno evidenziato al Miur il mancato rispetto degli accordi assunti e sottoscritti al tavolo politico di confronto, preposto a trovare le soluzioni per garantire la continuità occupazionale e la tenuta del reddito del personale ex Lsu e Appalti Storici. Dopo la manifestazione nazionale dell’8 luglio scorso, infatti, a fronte degli ulteriori tagli programmati dal Miur e le condizioni della gara Consip in via di effettuazione, era stato concordato tra il ministero dell’Istruzione e i sindacati di dare vita ad un tavolo politico, per trovare soluzioni atte a garantire la tutela occupazionale.

LA NOTA - “Ad oggi - spiegano Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil in una nota - si registrano fatti e notizie che disattendono gli accordi finora raggiunti per la trattazione di una delicata vertenza che vede l’attivazione di procedure di licenziamento collettivo per circa 24mila lavoratrici e lavoratori, dipendenti delle imprese che attualmente gestiscono gli appalti oggetto della presente. Come organizzazioni sindacali abbiamo l'obbligo di denunciare pubblicamente la grave situazione sociale che si verrebbe a creare qualora vadano in porto le riduzioni programmate dal ministero dell'Istruzione. I lavoratori non possono accettare una precarizzazione dei rapporti di lavoro che dei decreti interministeriali avevano dichiarato stabilizzati”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Situazione precaria, operatori scolastici in stato di agitazione

VeneziaToday è in caricamento