menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Provincia è parte civile contro l'ex consigliere Diego Cagnato

L'ente ha deciso il da farsi nel procedimento penale per truffa aggravata e sta valutando la possibilità di chiedere i danni all'immagine e per il disservizio

La giunta Zaccariotto ha espresso indirizzo favorevole alla costituzione in giudizio della Provincia di Venezia come parte civile – definendolo “un atto doveroso e una strada obbligata per la pubblica amministrazione” - nel procedimento penale che vede come imputato l’ex consigliere provinciale Diego Cagnato per il reato di truffa aggravata e continuata.

“L’accusa mossa a Cagnato dalla Procura – scrive proprio la Provincia in un comunicato stampa - è di aver presentato autocertificazioni non veritiere per il periodo novembre 2010 - settembre 2012 agli uffici dell’ente provinciale per ottenere rimborsi per spese di trasporto non dovute, con un danno patrimoniale diretto per la Provincia quantificato in circa 21mila euro”.

Per questo la Giunta provinciale, che ha conferito mandato all’avvocatura dell’ente, starebbe valutando, nel caso di condanna, la possibilità di richiedere anche i danni “all’immagine e per il disservizio che la vicenda ha creato nell’organizzazione degli uffici provinciali”, in vista dell’udienza preliminare fissata avanti il Gup di Venezia il prossimo 5 novembre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento