menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Spazi mensa sporchi", i genitori pronti a mandare i Nas nelle scuole

Ames spa rispedisce al mittente le accuse: "Pulizie a ridosso dell'avvio del servizio di lunedì". Polemica all'istituto comprensivo Colombo

Chiedono la sicurezza che gli spazi dove vengono porzionati i pasti per i loro bambini siano puliti. Non ora, ma lunedì prossimo. Quando nella gran parte degli istituti scolastici veneziani partirà il servizio mensa. Ad alzare la voce è il comitato genitori dell'istituto comprensivo Colombo di Chirignago, che chiede per tempo, ossia prima dell'ora di pranzo del 22 settembre, un intervento di pulizia: "Siamo stati informati dalla segreteria scolastica del nostro istituto che i locali di porzionatura dei pasti nei vari plessi non sono stati puliti da giugno e versano in un grado di sporcizia indicibile nonostante i numerosi solleciti in tal senso partiti dalla direzione scolastica ad indirizzo della ditta incaricata", afferma Nicola Bon, presidente del comitato.

Un'accusa rispedita al mittente da Pietro Lotto, presidente di Ames spa, la multiservice che ha responsabilità degli spazi mensa, il quale si dice molto sorpreso da questo allarme "anticipato": "Naturalmente le pulizie di quegli spazi vengono effettuate a ridosso dell'avvio del servizio - commenta - anche perché altrimenti non avrebbero piena efficacia". Da venerdì mattina, dunque, saranno effettuati accertamenti per capire se durante l'estate siano state organizzate atttività straordinarie nei locali scolastici finiti nel mirino: "Noi chiudiamo e lasciamo tutto in ordine a giugno, a fine anno scolastico - spiega Lotto - poi torniamo a settembre. Non so se nel frattempo ci siano state operazioni straordinarie. In quel caso le pulizie non le avremmo certo dovute fare noi".

In attesa di un chiarimento con la dirigente scolastica, il comitato rimane con le antenne ritte: "Da parte degli iscritti ai comitati mensa esortiamo a un controllo del grado di pulizia dei locali di porzionatura dei pasti nel giorno di inizio del servizio - affermano - Nel caso in cui saranno riscontrati problemi estremi saranno allertati sia l'ufficio igiene dell'Ulss, sia i NAS". Eventualità che non preoccupa Ames: "Gli addetti alla somministrazione del cibo sarebbero i primi a non erogarlo, viste le norme di regolamento che lederebbero. Quindi si può stare tranquilli. Non capisco tutto questo allarme, tutto procede da programma", conclude Lotto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento