Un pusher arrestato a Cavallino, spacciava cocaina e marijuana ai turisti

I carabinieri lo hanno bloccato dopo che aveva venduto della droga nei pressi di un camping

I carabinieri lo hanno tenuto d'occhio fino a coglierlo in flagrante: così, il pomeriggio del 14 agosto, è stato arrestato Daniel Botwe, 30enne ghanese pregiudicato e senza fissa dimora che spacciava ai turisti in vacanza a Cavallino. I militari della stazione locale lo hanno bloccato in via Cà Savio, nelle adiacenze del camping Portobello, subito dopo che aveva venduto della droga a un acquirente. Dopodiché lo hanno perquisito, trovandogli addosso circa 10 grammi di marijuana e 6 di cocaina, tutto suddiviso in dosi e pronto per la vendita, oltre a bustine di plastica e 35 euro in contanti.

A quel punto l'uomo è stato arrestato e, su disposizione del pm, trattenuto nelle camere di sicurezza fino allo svoglimento del processo di convalida, svoltosi stamattina. Al termine dell'udienza è stato condannato alla pena di 1 anno e 4 mesi di reclusione; inoltre il divieto di dimora nella regione Veneto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento