Cronaca Via Boschetto

Rubano una borsetta da una bici, tre minorenni chioggiotti nei guai

Solo uno dei quattro ragazzi bloccati lunedì pomeriggio a Sottomarina aveva raggiunto la maggiore età. La banda è entrata in azione in scooter

Giovani, alcuni giovanissimi. E già ladri. Criminali finiti in arresto dopo il furto di una borsa che si trovava all'interno del cestino di una bicicletta. Un gruppetto di ragazzi di Chioggia, infatti, lunedì è stato bloccato dopo un furto con destrezza ai danni di una signora di sessant'anni che nel pomeriggio verso le 15.30 stava transitando per via Boschetto a Sottomarina per andare a trovare l'anziana madre in casa di riposo.

A un certo punto uno scooter con a due persone l'ha sorpresa in corsa. Una delle due coppie si è quindi impadronita del bottino ed è scappata via. Immediato l'allarme lanciato dalla donna. Sulla base della descrizione dei motorini e dei caschi dei due ladri (uno bianco e nero, l'altro nero) carabinieri e polizia si sono messi alla ricerca. Dieci minuti più tardi, in viale Padova, una Volante del commissariato locale intercetta quindi due scooter con a bordo rispettivamente una coppia di ragazzi. Alla vista degli agenti, entrambi i ciclomotori tentano di scappare via. Dividendosi.

A quel punto intervengono anche i carabinieri. Un inseguimento che si conclude quando il conducente di uno dei due scooter, effettuando una manovra azzardata, rovina a terra assieme al suo compare. Lui, però, riesce a fuggire via a piedi. L'altro, minorenne, viene bloccato dagli agenti. Portato in commissariato, quest'ultimo si rivela subito collaborativo. Spiegando che lui non c'entrava nulla con quanto accaduto e che sapeva invece chi erano i colpevoli del furto. Sulla base delle sue descrizioni i carabinieri poco dopo hanno individuato anche il secondo scooter finito in precedenza nel mirino. I due giovani occupanti, tra cui un minorenne, cercano di nuovo di fuggire e si dimostrano molto nervosi. Stavolta vengono bloccati e portati anche loro in commissariato.

Ormai era chiaro a tutti che il cerchio si sarebbe a breve chiuso anche attorno all'ultimo fuggitivo, sempre con meno di diciotto anni. Lo stesso è stato infatti bloccato nelle vicinanze della propria abitazione. E portato in commissariato. In precedenza i tre fermati avevano già confessato di essere stati loro a derubare la donna e avevano già fornito indicazioni alle forze dell'ordine per recuperare il maltolto. Consegnando subito anche i quindici euro che avevano trafugato e anche il telefono cellulare contenuto nella borsa.

Per il maggiorenne, già con precedenti penali al pari di uno degli altri tre compari, sono scattate inevitabili le manette. Di fronte al gip ha patteggiato otto mesi di reclusione ed è stato sottoposto ad obbligo di firma. Tutti devono rispondere di furto con destrezza in concorso. Per gli altri tre giovani sarà la Procura minorile a decidere il da farsi sulla base della normativa vigente.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubano una borsetta da una bici, tre minorenni chioggiotti nei guai

VeneziaToday è in caricamento