menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Dammi tutti i soldi che hai", anziano e la sua badante rapinati in casa a Dorsoduro

L'aggressione lunedì pomeriggio non distante dalle Zattere. Un 93enne è stato derubato di 500 euro da un delinquente solitario che è entrato dalla finestra della camera da letto

"Dammi i soldi, presto". Rapina in abitazione nel primo pomeriggio di lunedì a Venezia, in un appartamento al primo piano di una palazzina del sestiere di Dorsoduro, non lontano dalle Zattere. A un certo punto, dalla finestra aperta della camera da letto, si intrufola un malvivente con il volto travisato da un fazzoletto. Si arrampica nel momento in cui capisce che quella finestra gli avrebbe permesso di penetrare in maniera piuttosto agevole in casa. 

Sono le 14 di lunedì e tutto si svolge in pochi istanti, tant'è vero che i rapinati sono in grado di fornire pochi elementi ai carabinieri della compagnia di Venezia, intervenuti sul posto con l'appoggio del nucleo natanti. Fatto sta che il delinquente mette piede nella camera da letto di un anziano di 93 anni che si trova con la badante, una signora di circa 45 anni, in un'altra stanza dell'abitazione.  

Bastano pochi passi e l'inquilino si trova di fronte il criminale, dal volto travisato da un fazzoletto. Quest'ultimo intima all'altro di consegnargli tutti i soldi che ha, parlando con un accento che non tradisce alcuna inflessione dialettale. Impossibile allo stato stabilire se si tratti di un malintenzionato veneziano o proveniente da altre zone d'Italia (o del mondo). Di fronte alle minacce l'anziano non può che sottostare alle richieste dell'intruso, che rivolge le sue attenzioni anche sulla badante, costretta anche lei a consegnare i soldi che ha a sua disposizione. 

Il delinquente, dopo aver sottratto in totale circa 500 euro alla coppia di sventurati, cerca di allontanarsi il prima possibile. Per fare questo spintona anziano e badante per guadagnarsi l'uscita. Decide infatti di non scappare dalla stessa finestra da cui poco prima era entrato, bensì dalla porta dell'appartamento. Correndo per le scale e fuggendo nelle calli circostanti. Pochi secondo e il criminale fa perdere le sue tracce, mentre alla signora non è rimasto altro che chiedere l'intervento delle forze dell'ordine, ora in cerca di indizi in grado di dare un volto e un nome al malvivente solitario. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento