Assalto armato in farmacia a Stra: "Erano in due, hanno fatto sdraiare una cliente"

La rapina verso le 19 di mercoledì alla farmacia "Fraccalanza" di via Antonio Pertile. Due criminali in azione con il volto travisato. Il titolare: "Erano armati, fuggiti con l'incasso"

"Sì, a distanza di un anno ci hanno rapinato ancora. Hanno anche fatto sdraiare a terra i clienti". Non c'è pace per la farmacia "Fraccalanza" di San Pietro di Stra. Il 21 novembre scorso due banditi armati di pistola entrarono nell'esercizio con in mano una pistola, impossessandosi dell'incasso. Mercoledì sera verso le 19 il copione si è ripetuto. Sempre in orario di chiusura, sempre una coppia di criminali incappucciati. Hanno parlato in italiano, ma durante quei concitati momenti non sarebbe stato possibile carpirne l'accento.

"Erano armati. In quei momenti non abbiamo capito cosa avessero in mano - ha dichiarato il titolare, con tono concitato, mentre i carabinieri si trovavano all'interno della farmacia per i primi rilievi - sono entrati e non avevamo la possibilità di vederli in faccia". Da quanto ricostruito nei minuti successivi pare che uno dei due avesse in mano almeno un coltello. In pochi istanti la coppia di delinquenti ha messo piede nella farmacia e ha messo le cose in chiaro. Di fronte alla minaccia hanno invitato una cliente (senza puntargli la lama contro) a mettersi per terrra. Poi, stando a quanto ha dichiarato il titolare, hanno concentrato la propria attenzione sulla zona del registratore di cassa.

Pochi istanti e sono fuggiti a bordo di un'auto, una Peugeot 307 (di colore grigio, secondo le testimonianze) con l'incasso di giornata: circa 2mila euro. L'anno scorso il bottino fu di 600 euro. L'auto sarebbe frutto di un furto messo a segno un paio di giorni fa. Sul posto, come detto, si sono subito portati i militari dell'Arma, che hanno effettuato delle ricerche in zona. Purtroppo senza esito. "E' successo ancora", conclude il titolare, lasciando trasparire tutta la delusione per un incubo che si è riproposto ancora una volta. Non è escluso che i delinquenti potessero contare su un "palo" alla guida dell'auto, poi trovata a un paio di chilometri di distanza, in modo da garantire una fuga repentina. Al vaglio anche la possibilità che la rapina possa essere collegata ad altri assalti in zona, come quella al supermercato "Prix" di Fossò.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché Venezia era piena di gatti?

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento