menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo della rapina

Il luogo della rapina

Rapina pistola in pugno in pieno centro a Dolo all'ora di pranzo

Due malviventi verso le 13.50 sono entrati travisati in un internet point a due passi dallo "squero". Sono fuggiti in auto con 700 euro di bottino

Rapina in pieno centro a Dolo. A due passi dallo "squero", il luogo di aggregazione per eccellenza del paese. Pochi minuti prima delle 14 una coppia di delinquenti ha fatto irruzione all'interno di un Internet Point di via Mazzini, sulla strada principale. All'interno non c'era nessuno. Solo il titolare, di nazionalità bengalese. Un esercizio molto piccolo, con alcune postazioni utilizzate soprattutto da immigrati che intendono mettersi in contatto con la propria famiglia sfruttando il web.

Subito sono state chiare le intenzioni dei banditi, armati uno di pistola (non si sa se vera o finta, ma di certa sprovvista del tappetto rosso) e uno di un coltello. Entrambi i banditi si sono avvicinati al titolare, seduto sulla sua sedia e gli hanno intimato di consegnare i soldi. Una frase sola, secca. Il malcapitato non ha potuto far altro che dare loro l'incasso che fin lì aveva racimolato: circa 700 euro. Una volta ottenuto ciò che volevano la coppia di rapinatori si è girata sui tacchi ed è fuggita via. A bordo di un'auto che avevano parcheggiato poco distante.

A quanto pare non ci sarebbe stato alcun "palo" ad attendere l'arrivo dei complici con il motore accesso. Anzi. Uno dei furfanti avrebbe fatto il giro dell'auto per poi mettersi al volante personalmente del veicolo, pigiando il piede sull'acceleratore e scappando in direzione di Padova. Con questa manovra la coppia avrebbe perso istanti preziosi, tanto che il titolare dell'esercizio sarebbe riuscito a riconoscere alcune cifre della targa. Elemento su cui stanno lavorando i carabinieri della locale tenenza, che sperano di raccogliere indizi utili anche dalla visione delle telecamere di sicurezza installate in zona. Di certo si tratta di un colpo "coraggioso", perpetrato in pieno giorno e in pieno centro del paese. Rischiando che qualche passante potesse finire suo malgrado "in mezzo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento