menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La stazione dei carabinieri di Martellago

La stazione dei carabinieri di Martellago

Perde l'iPhone dopo una sera di baldoria e si inventa una rapina per paura dei genitori

Un 20enne di Martellago da denunciante è diventato denunciato. Dopo alcune ore in un locale di San Giuliano aveva raccontato di essere stato rapinato in corso del Popolo. Falso

Dopo una serata estiva di baldoria perde il costoso smartphone e decide di inventarsi una rapina per evitare le ire dei genitori. Facendo questo è caduto dalla padella alla brace, perché per sua sfortuna (o fortuna) il cellulare è stato ritrovato in un luogo diverso dal luogo della presunta aggressione, e soprattutto i carabinieri della stazione di Martellago hanno accertato che era tutta una balla. Un 20enne è quindi passato da denunciante a denunciato.

B.M. lo scorso agosto aveva perso il cellulare dopo aver trascorso la serata in un locale mestrino. Ha raccontato invece si essere stato vittima di una rapina da parte di quattro uomini incappucciati scesi da un furgone in corso del Popolo. Uno del gruppo l'avrebbe minacciato con un coltello alla gola e per questo motivo lui sarebbe stato costretto a consegnare l'iPhone, i soldi e le sigarette. I carabinieri di Martellago, ricevuta la segnalazione dal giovane, hanno subito iniziato le indagini.  

Fin da subito il racconto del 20enne appariva sospetto: la posizione del denunciante si è fatta sempre più traballante dopo i sopralluoghi in corso del Popolo a Mestre e la visione delle telecamere di sorveglianza, che non avevano immortalato nessun furgone nel lasso di tempo in cui si sarebbe dovuta consumare la rapina. A fugare ogni dubbio il ritrovamento dello smartphone da parte di un passante nei dintorni del locale di San Giuliano in cui il giovane aveva trascorso la serata. Di fronte all'evidenza dei fatti, il giovane ha confessato di essersi inventato tutto per paura della reazione dei genitori. Per lui una segnalazione alla magistratura per simulazione di reato e falsità ideologica, oltre che le ire dei genitori tanto temute. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    L'annuncio di Zaia: «È ufficiale, il Veneto da lunedì in zona arancione»

  • Politica

    Affidato all'Europa il salvataggio delle dune degli Alberoni

  • Cronaca

    Topi e sporcizia in negozio, chiuso supermercato etnico

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento