rotate-mobile
Cronaca Jesolo / Via Levantina

Rapinano una banca e sequestrano i clienti a Jesolo, arrestato il basista

C.M., 22enne, il 27 gennaio non si era fatto vedere quando tre banditi, poi finiti in manette, assaltarono una filiale Antonveneta in via Levantina. Era stato lui a fornire le informazioni

I tre rapinatori li avevano arrestati mentre tentavano di scappare col bottino. Appena usciti dalla filiale della Banca Antonveneta di Jesolo Lido, tra via Levantina e via Pordenone. I carabinieri avevano intercettato i banditi mentre si preparavano a entrare in azione. Poi il colpo e il sequestro per alcuni minuti di cinque addetti allo sportello e quattro clienti, tra cui un minore. Minacciandoli con dei taglierini. G.P. 21enne,  A.R., 24enne, G.P., 28enne, tutti di origine campana, originari dei territori tra Mugnano e Caivano nel Napoletano, sono finiti in manette.

Erano dei tipici "trasfertisti": commettono un reato in un luogo lontano dalla loro residenza e poi si dileguano. Per fare ciò, però, serve un basista. Qualcuno che conosceva la zona dello Jesolano e che potesse fornire le informazioni necessarie per portare a buon fine il colpo. I carabinieri del Nucleo investigativo di Mestre, dopo mesi di indagini, lo hanno individuato: C.M., 22enne incensurato, anch'egli originario degli stessi paesi da cui provenivano i tre rapinatori.
 

E' stato lui ad "accogliere" G.P., il 28enne, all'aeroporto di Venezia. E' stato sempre lui, assieme al suo "ospite", il giorno prima del colpo, a controllare la filiale per un ultimo sopralluogo. Avrebbe anche offerto ospitalità ai malviventi nella sua abitazione di Jesolo Paese nel caso in cui la rapina fosse andata a buon fine. A insospettire gli inquirenti anche le minacce proferite dai banditi durante l'assalto alla banca: "Sappiamo chi siete - dicevano - conosciamo le vostre auto. Le vostre mogli". Non scherzavano. Erano tutte informazioni passate da C.M.

A inizio estate il giovane se n'è andato in Germania. Aveva capito che il cerchio delle indagini si stava stringendo. Ci è rimasto alcuni mesi, aiutato da alcuni conoscenti, sempre monitorato dalle forze dell'ordine. Al suo ritorno in Italia l'arresto. Ora C.M. si trova nel carcere di Santa Maria Maggiore.
 

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinano una banca e sequestrano i clienti a Jesolo, arrestato il basista

VeneziaToday è in caricamento