menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina alla motovedetta Civis, trovato il barchino usato nel colpo

Il natante è stato "ripescato" in zona San Marco, per gli investigatori i delinquenti si sarebbero divisi, fuggendo con il bottino su un'altra barca

Continuano le indagini per identificare i responsabili del colpo del 1 luglio alla motovedetta Civis, una rapina organizzata al cronometro, che aveva visto tre delinquenti assaltare la barca portavalori in canale della Scomenzera a bordo di un “cofano”, minacciare le guardie giurate con un fucile mitragliatore e poi sparire a tutta velocità con a bordo un milione e 280mila euro. Stando a quanto riporta il Gazzettino il lavoro degli investigatori è ora arrivato ad un'importante svolta: martedì sarebbe stato infatti ritrovato proprio il “barchino” utilizzato dai banditi.

COLPO MILIONARIO: RAPINATA PORTAVOLORI CIVIS

LA RICOSTRUZIONE: UN COLPO PREPARATO DA VENEZIANI

UNA PISTA ANCORA CALDA – A recuperare il natante “criminale”, lo scorso martedì, sono stati gli agenti della squadra mobile. La barca è stata infatti trovata ancora in centro storico, e più precisamente in zona San Marco, e corrisponde perfettamente al mezzo blu e bianco che il 1 luglio è stato “catturato” tra i fotogrammi ripresi dalle telecamere di sorveglianza presenti nel canale di Santa Chiara, utilizzato dai rapinatori per fuggire immediatamente dopo il colpo.

PARLANO LE GUARDIE: "IMPREPARATI E SOTTOPAGATI"

SPUNTA IL TESTIMONE CHE AVVISTÒ LA BARCA

DAL COLPO ALLA FUGA - Stando alle ultime ricostruzioni delle autorità i criminali si sarebbero divisi immediatamente dopo la rapina, probabilmente sfruttando il riparo dato da un ponte: due di loro sarebbero quindi fuggiti con il bottino a bordo di un altro mezzo, mentre il terzo complice abbandonava la barca che “scottava” in centro dopo essersi tolto la tuta da imbianchino utilizzata durante il colpo. Ora il “barchino” recuperato verrà passato al setaccio dagli esperti della scientifica, che cercheranno così di recuperare prove concrete che indirizzino gli investigatori sulla pista lasciata dai tre criminali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento