menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
A Olmo di Martellago è molto radicato il controllo di vicinato

A Olmo di Martellago è molto radicato il controllo di vicinato

Dopo la rapina Olmo si sveglia più insicura: "Servono più telecamere di sicurezza"

Nella frazione venerdì mattina residenti preoccupati: "I banditi di ieri non erano semplici topi d'appartamento". Un vicino: "Ormai si sono passati tutte le case della nostra zona"

Il giorno seguente alla rapina che ha visto vittime 2 gioiellieri di Olmo di Martellago, marito e moglie, in paese non si parla d'altro. Perché, è la convinzione dei più, la banda di 4 malviventi entrata in azione poco dopo le 21 di venerdì aggredendo i proprietari dell'abitazione e legando loro i polsi con delle fascette, non sono semplici topi d'appartamento. Di quelli che stanno seminando razzie a macchia di leopardo in tutto il territorio veneziano nei giorni che precedono Natale.

MARITO E MOGLIE LEGATI CON DELLE FASCETTE A OLMO

"Devono averli seguiti dalle gioiellerie a casa nei giorni scorsi - commenta un vicino - devono averlo studiato per bene. Sapevano le loro abitudini e quella è una casa che può avere attirato l'attenzione". Poca la voglia di parlare tra le strade dove è stato perpetrato l'assalto. Se a più riprese sui social si chiedono all'amministrazione comunale le tanto desiderate telecamere di sicurezza, i banditi sono riusciti a eludere anche i controlli di vicinato.

BANDITI IN FUGA CON L'AUTO DELLA PROPRIETARIA DI CASA

A Martellago i gruppi di questo tipo sono piuttosto radicati. "Mio figlio ha visto 2 persone sospette verso le 20 proprio all'altezza della villa - racconta un residente - erano a piedi però. Vai a capire se c'entrano qualcosa". Una signora accompagna la propria figlioletta per una passeggiata. Si avvicina: "Mi ha scosso molto questa storia - sottolinea - questi non erano ladri 'normali". Il marito è a pochi metri da lei: "Ormai qui le case se le sono fatte tutte - dichiara - ma stavolta è diversa".

Nel frattempo alla villa della rapina arrivano 2 carabinieri in borghese per ricostruire l'accaduto. Controllano siepi ed eventuali sistemi d'allarme. Vogliono capire come i banditi si sono mossi senza dare nell'occhio. "Credo si siano nascosti dietro quella siepe - ragiona il residente - aspettando lì il ritorno a casa dei proprietari. Queste sono strade dove se passi salti subito all'occhio. Non so come abbiano fatto". A poca distanza un altro residente sta gettando ramaglie nel cassonetto del verde: "Ho lavorato per 35 anni in polizia - spiega - è una vicenda su cui ci sarà tanto da lavorare. Sembra un'azione pianificata. Speriamo li prendano". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento