Mercoledì, 12 Maggio 2021
Cronaca

Terrore a Pravisdomini: picchiato a sangue nella notte e rapinato dai ladri

La violenza è esplosa cieca al confine tra la provincia di Venezia e quella di Pordenone tra sabato e domenica. Un 56enne ha riportato la frattura di 4 costole. Bottino di circa 5mila euro

L'hanno trascinato nell'orto e l'hanno massacrato di calci e pugni. Il tutto per una collanina e un orologio d'oro. La violenza è esplosa cieca ai confini tra la provincia di Venezia e di Pordenone, a Frattina di Pravisdomini. Come riporta La Nuova Venezia, un 56enne del posto, originario di Annone Veneto è stato aggredito da due banditi verso le 3 di notte tra sabato e domenica.

Il malcapitato è stato sorpreso alle spalle mentre era appena sceso dalla sua auto nel vialetto di casa. Sente dei passi dietro di sé. Sono i ladri. Lo aggrediscono e lo trascinano sul retro. Le urla non servono, il fratello della vittima, che si trovava in camera da letto, non si sarebbe accorto di nulla. Poi una serie di calci e di pugni. Il 56enne riporterà la frattura di quattro costole e di un dito della mano sinistra. Dopodiché i criminali sono scappati a bordo di una Smart, con un bottino di circa 5mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrore a Pravisdomini: picchiato a sangue nella notte e rapinato dai ladri

VeneziaToday è in caricamento