menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapinò una banca con taglierino e pistola, arrestato un veneziano

Il colpo nel 2013 a Villatora di Saonara, nel Padovano. In manette un 44enne che già l'anno scorso era finito ai domiciliari per reati simili

Uno degli altri due complici era già stato arrestato da tempo, grazie a quel neo sulla guancia che aveva indirizzato gli inquirenti in una direzione precisa. Mancava il complice all'appello. Ora, però, il cerchio si è in parte chiuso. La squadra mobile di Venezia ha identificato anche il secondo bandito che il 7 maggio 2013 rapinò la filiale della Banca di credito cooperativo di Sant'Elena in piazza del Tricolore, a Villatora di Saonara. Si tratta di L.G., 44enne di Venezia, che già in precedenza finì ai domiciliari nell'ambito dell'operazione "Mask", inchiesta che continua a mietere vittime. Gli investigatori lagunari stanno continuando ad approfondire le indagini su una agguerrita banda di rapinatori che ha messo a segno diversi colpi nel Triveneto. A L.G., dunque, viene contestato l'ennesimo colpo.

Aveva minacciato la cassiera con un taglierino e una pistola giocattolo e si era fatto consegnare circa 1.180 euro in contanti. Nella fuga verso l'uscita, aveva pure picchiato un passante al volto per rubargli l'auto. Il malcapitato aveva resistito al delinquente, finché quest'ultimo non aveva optato per un altro veicolo. Una Fiat Punto parcheggiata vicino.

La questura definisce L.G. "un pericolo soggetto": il modus operandi della banda entrata in azione l'ha lasciato ampiamente intendere. L’operazione che ha portato all'arresto di martedì pomeriggio si incardina nell’attività d’indagine avviata dalla squadra mobile che fino a questo momento (ma potrebbero esserci altre puntate) ha permesso di arrestare 24 delinquenti, coinvolti a vario titolo nella commissione di gravi reati contro il patrimonio, tra i quali numerose rapine a mano armata, nonché traffico internazionale di armi. Sono stati sequestrati sette AK47 Kalashnikov, due mitragliette tipo Skorpion, un silenziatore e alcune pistole, oltre al relativo munizionamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento