menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si indaga sui rapinatori trasfertisti, polizia al lavoro su almeno altri tre episodi simili

Diverse analogie tra il colpo a Chirignago di giovedì e altri andati a segno nei mesi scorsi. Il sospetto è che si tratti di una banda di professionisti attiva non solo nel Veneziano

Ingresso a volto scoperto e senza armi, minacce ai dipendenti per ottenere i soldi. Sempre in istituti di credito. Tre persone con accento meridionale, secondo i testimoni. E infine fuga con il bottino. Un copione ripetuto più volte con modalità molto simili. Tanto che, dopo gli arresti di giovedì sera per sei persone accusate della rapina nella Banca di credito cooperativo di Marcon-Venezia, a Chirignago, le indagini della squadra mobile della questura stanno proseguendo per cercare conferme di quello che per ora è solo un forte sospetto: e cioè che lo stesso sodalizio sia autore anche di altre incursioni andate in scena nei mesi scorsi. Non solo nel Veneziano.

Il caso più vicino nel tempo - e con le maggiori analogie - è quello della Banca Carige di via Bissuola. In ottobre tre criminali sono entrati a volto scoperto nell'istituto di credito. Lo stesso numero di quella di giovedì. Anche in quel caso non sono state usate armi e gli intrusi hanno tradito un accento del sud. Hanno riempito i borsoni di soldi, per un bottino di 6mila euro.

Ma sarebbero almeno altri due gli episodi su cui gli investigatori della squadra mobile della questura di Venezia sarebbero al lavoro. I criminali potrebbero aver agito per lungo tempo in varie zone del nord Italia. Al vaglio ci sono sempre le immagini delle telecamere di sorveglianza e le eventuali testimonianze di chi ha assistito alle incursioni. Si cercano quindi elementi che permettano di attribuire con certezza la responsabilità di altre rapine agli stessi individui fermati giovedì. Se i sospetti si rivelassero fondati saremmo di fronte a una banda di professionisti con esperienza di lunga data in materia. E il numero di rapine messe a segno dal gruppo potrebbe anche aumentare ulteriormente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento