rotate-mobile
Cronaca Chioggia

Un razzo di segnalazione esplode nella stazione di travaso

Era stato gettato in un contenitore del rifiuto secco. Avviate le indagini per individuare il responsabile

Un razzo di segnalazione è esploso nella stazione di travaso di Chioggia, dove i rifiuti vengono portati dopo la raccolta, prima del loro trasporto agli impianti di trattamento. Solo la prontezza di riflessi dell’addetto al servizio ha evitato che lo scoppio provocasse un incendio, isolando subito - per mezzo di una benna a ragno - il cumulo dei rifiuti nel quale è avventa la deflagrazione.

Lo scoppio avrebbe potuto causare il ferimento di persone o dei danni, quindi sono state avviate delle indagini per individuare e punire chi ha conferito il razzo in un contenitore del rifiuto secco. «L’abbandonare razzi di segnalazione rappresenta un grave pericolo per gli addetti agli impianti e per chi raccoglie e maneggia i rifiuti, ma non solo», spiegano da Veritas. I razzi potrebbero esplodere o incendiarsi sia prima che durante le operazioni di svuotamento, mettendo così in pericolo anche chi si dovesse trovare nei paraggi dei cassonetti o dei contenitori dove sono stati gettati. «Ricordiamo che è assolutamente vietato lasciare in strada o gettare tra i rifiuti o nei cassonetti razzi, articoli pirotecnici e altri materiali esplosivi - conclude l'azienda -. Inoltre, gli ecocentri ed ecomobili di Veritas non sono autorizzati a ritirarli. Gli articoli pirotecnici, razzi di segnalazione compresi, scaduti o non utilizzati devono essere consegnati ai rivenditori, che hanno l’obbligo di ritirarli gratuitamente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un razzo di segnalazione esplode nella stazione di travaso

VeneziaToday è in caricamento