menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il relitto

Il relitto

Nuovo tentativo di rimuovere il peschereccio affondato a Chioggia

I primi due erano andati a vuoto, ora il terzo, previsto per la mattinata di giovedì

È stato fissato un nuovo tentativo di rimozione del relitto del peschereccio Adelinda affondato nel canale San Domenico nei pressi della banchina del Mercato Ittico all’ingrosso di Chioggia. Dopo vari tentativi andati a vuoto, giovedì 3 dicembre, dalle 8.30, gli addetti della Boscolo Bielo srl cercheranno di sgombrare il canale, con l'aiuto della direzione del Mercato ittico e dell'amministrazione, che contribuiranno con lo schieramento di forze e mezzi.

Primi due tentativi di recupero a vuoto

I primi due tentativi di recupero del relitto non sono andati a buon fine. Il 21 settembre le pompe in dotazione ai vigili del fuoco si sono rivelate inutili a svuotare l’acqua imbarcata, mentre il 28 il tentativo è abortito per la mancanza di un pontone capace di sollevare lo scafo. Il sollevamento del discusso relitto dovrebbe avvenire tra le 11 e mezzogiorno e saranno utilizzati una gru ed un pontone, saranno presenti sommozzatori e i vigili del fuoco con l'autopompa lagunare di Chioggia.

«È di certo un’ottima notizia, - ha detto il direttore del Mercato ittico Emanuele Mazzaro - ci siamo allertati sin dai primi momenti per sondare eventuali problemi o rischi ambientali e per la sicurezza, sollecitando le istituzioni a tutti i livelli. Finalmente si chiuderà questo spiacevole capitolo ed il canale sarà sgombero garantendo anche maggior spazio per gli ormeggi in banchina».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento