menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alla ricerca dei pezzi mancanti dello scheletro. E Avm censura la pubblicità sui vaporetti

Accordo tra i sub e la polizia locale veneziana. Nuove immersioni da lunedì prossimo, mancano frammenti di piede e mano. Resti destinati ad una mostra che inaugura il 29 marzo

Confermate le operazioni per il tentativo di recupero dei pezzi ancora mancanti di uno scheletro (destinato alla mostra "Venice Secrets. Crime & Justice") che martedì scorso era finito nelle acque del canal Grande di Venezia. L'appuntamento è per lunedì: i sub professionisti si sono accordati con la polizia municipale di Venezia per il piano di recupero, che vedrà impegnata un'area di circa 200 metri quadri con interdizione alla navigazione e boe di segnalazione. La zona da investigare si trova nelle vicinanze dell'approdo dove lo scheletro è caduto in acqua, di fronte al Guggenheim.

Nuove immersioni

Il lavoro dei giorni scorsi ha permesso il ripristino di quasi tutto il reperto destinato all'esposizione internazionale in programma in laguna per fine mese. Ma le ricerche sono proseguite, visto che alcuni pezzi mancano ancora all'appello. Un'associazione subacquea di Jesolo, che aveva già operato con successo nel Veneziano altre volte, ha assicurato a Venice Exhibition, l'ente curatore dell'evento, che ci sono buone probabilità di recuperare i frammenti di braccio e di piede mancanti. L'obiettivo è ricostruire lo scheletro entro la presentazione ufficiale della mostra, prevista il 29 marzo.

Pubblicità censurata

Ma c'è dell'altro. Avm, infatti, ha censurato la pubblicità della mostra che campeggiava sulla parte esterna dei propri vaporetti, immagini troppo forti per circolare in laguna, così in bella vista. La richiesta della società che gestisce il trasporto urbano è stata quella di eliminare, di fatto, la parte sinistra dei manifesti promozionali, lo scheletro all'interno della cheba avvolta dalla fiamme. Gli organizzatori della mostra di Palazzo Zaguri, ora, dovranno puntare di più sul titolo della mostra, evitando le immagini più cruente.

L'immagine del contendere

cheba-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Mestre

Avviata la riqualificazione di piazzale Cialdini con il nuovo ponte sull'Osellino

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Marchio Igp per il vetro di Murano e il merletto di Burano

  • Cronaca

    Sport e attività motoria, cosa si può fare in Veneto: le Faq del Governo

  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento