La Regione dai sindaci del litorale a Jesolo: «Chiesto lo stato di emergenza»

Bottacin alla Conferenza dei primi cittadini venerdì: «Riporteremo tutto come prima e meglio di prima. Confidiamo nel rapido stanziamento di fondi per le prime urgenze» Danni per oltre 87 milioni

Il maltempo dei giorni scorsi a Jesolo Pineta

È ancora il maltempo a tenere banco al tavolo della Conferenza dei sindaci del litorale di venerdì, che si è tenuto a Jesolo, alla presenza dell'assessore regionale all'Ambiente e Protezione civile, Gianpaolo Bottacin. «Come annunciato dal presidente Zaia, oggi abbiamo provveduto alla richiesta dello stato di emergenza», ha detto l'assessore ai primi cittadini. Enormi i danni subiti dalle spiagge con l'alluvione del 12 novembre e le mareggiate dei giorni successivi: da Jesolo a Eraclea, da Caorle a Bibione. Quest'ultima in ginocchio con centinaia di metri cubi di arenile andati distrutti».

Conta dei danni

Obiettivo della riunione, a carattere tecnico, era fare il punto sui danni e una verifica delle condizioni per garantire la partenza degli interventi di ripristino delle spiagge. «Riporteremo tutto come prima e meglio di prima – assicura Bottacin – stiamo procedendo con la stima dei danni, che interessano l’intera costa del Veneto: da San Michele al Tagliamento fino al basso Polesine. In molti casi, come lungo gli arenili e nella Sacca degli Scardovari, hanno subito danneggiamenti gravi anche i cantieri di ripristino post Vaia, che erano stati avviati nei mesi scorsi». Bottacin, presente all’incontro insieme ai tecnici della direzione difesa del suolo della Regione del Veneto, ha ascoltato i sindaci e li ha rassicurati. «Siamo a disposizione per raccogliere tutte le necessità del territorio, garantendo supporto a cittadini e imprese in questo momento di particolare difficoltà».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

bottacin sindaci del litorale (1)-2

Sono oltre  87 milioni i danni in tutto il litorale veneto che hanno colpito i corsi d’acqua, eroso le spiagge, danneggiato le opere idrauliche e le abitazioni dei privati. La “conta” dei danni è stata presentata da Pasqualino Codognotto, sindaco di San Michele al Tagliamento e presidente della Conferenza dei sindaci del litorale veneto. «Si va dalle opere fisse quali i pennelli di roccia da intensificare o da mettere a posto, che sono stati distrutti, fino al ripascimento, ai quali si aggiungono i danni ai privati che valuteremo nei prossimi giorni», ha detto Codognotto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ragazzo di 25 anni si è sparato e ucciso in una palestra di Marghera

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Il Mose evita l'acqua alta a Venezia. Venerdì previsti altri 130 centimetri

  • Nicolò, «atleta e professionista in campo e nella vita». Il ricordo degli amici

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento