rotate-mobile
Cronaca

Il governo aggiorna le Faq della zona gialla: le regole per i centri commerciali in Veneto

Da Palazzo Chigi hanno fatto chiarezza su alcuni dubbi relativi alle riaperture di locali e negozi. Quali chiudono nei giorni festivi e pre-festivi

Il governo ha chiarito alcuni dubbi relativi alle attività che sono ripartite con il decreto riaperture dal 26 aprile aggiornando le Faq di Palazzo Chigi che riguardano, ade esempio, le regole per ristoranti e negozi. Con il Veneto in zona gialla, queste sono le norme da seguire dai (e per i) centri commerciali e negozi fisici:

  • non sono previste limitazioni alle categorie di beni vendibili
  • nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all'interno dei centri commerciali e dei mercati, ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, lavanderie e tintorie, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie.

Le attività commerciali al dettaglio si svolgono a condizione che sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno dei locali più del tempo necessario all'acquisto dei beni.

Le attività aperte devono rispettare i protocolli o le linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in ambiti analoghi. Fra queste misure vi è il mantenimento, in tutte le attività, del distanziamento interpersonale, la pulizia e l’igiene ambientale almeno due volte al giorno e in funzione dell’orario di apertura, nonché la garanzia di adeguata aereazione naturale e ricambio d'aria.

Ingressi scaglionati nei negozi

È inoltre obbligatorio far rispettare le altre misure anti-contagio, come l’ingresso uno alla volta negli esercizi di vicinato (fino a 40 metri quadrati), oltre a un massimo di due operatori e l’accesso regolamentato e scaglionato, in proporzione alla relativa superficie aperta al pubblico, nelle medie e grandi strutture di vendita, differenziando, ove possibile, percorsi di entrata e di uscita.

A tal fine, è obbligatorio esporre un cartello che indichi il numero massimo di persone che possono essere contemporaneamente presenti all’interno dei locali. Infine, è previsto l’uso obbligatorio di mascherine e guanti per i lavoratori e quello del gel per disinfettare le mani e dei guanti monouso, particolarmente negli esercizi di vendita di generi alimentari e bevande, da mettere a disposizione in prossimità delle casse e dei sistemi di pagamento, nonché, ove possibile, individuare percorsi diversi per entrate e uscite.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il governo aggiorna le Faq della zona gialla: le regole per i centri commerciali in Veneto

VeneziaToday è in caricamento