L'orologio della Torre dell'Arsenale torna dopo 20 anni di inattività: pronti a sincronizzarsi

Un'accurata manutenzione ha riportato in vita uno dei monumenti più ammirati e fotografati della città. Rintracciato l'ultimo specialista, Michele Valentincic, per il restauro

Le Torri dell'Arsenale di Venezia hanno continuato ad essere uno dei monumenti più ammirati e fotografati della città, nonostante l'orologio fosse fermo da 20 anni. Dopo un'accurata e paziente attività di manutenzione residenti, passanti e turisti possono tornare a sincronizzarsi con il "Big Ben" lagunare. Recuperato e rimesso in funzione infatti il meccanismo a pendolo e scappamento ad ancora, di fattura probabilmente tedesca e risalente alla prima metà del 700.

Quelle lancette, ferme da troppo tempo, necessitavano di un restauro fatto da mani esperte e una professionalità sempre più rara. Il Comando di Maristudi non si è dato per vinto e ha rintracciato Michele Valentincic, l'ultimo specialista che, all'inizio degli anni '90, ancora dipendente dal comando Marina di Venezia si occupava della manutenzione del complesso meccanismo, tornando a rimetterlo in funzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento