menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Ponte dell'Accademia

Il Ponte dell'Accademia

Nuova vita al ponte dell'Accademia: "Lo restauriamo con soldi pubblici"

L'assessore ai Lavori pubblici Maggioni non chiude la porta agli sponsor, ma se arrivano i fondi del Cipe l'iter sarà più rapido. Via tra poco agli interventi anche sul Ponte di Rialto

"L'iter per il restauro del ponte dell'Accademia è partito con il progetto preliminare e riteniamo urgente avviare la progettazione esecutiva, da due milioni di euro, da finanziare con i fondi di legge speciale, non appena arriveranno i 42 milioni che aspettiamo da Roma". E' l'assessore veneziano ai Lavori pubblici Alessandro Maggioni a indicare la strada dell'intervento di recupero della struttura con fondi pubblici, dopo anni di discussione sulla possibile realizzazione ex novo del ponte, senza però scartare l'ipotesi di una sponsorizzazione privata per l'opera.

"Abbiamo ritenuto - ha spiegato - che il bando pubblico per la ricerca di uno sponsor complicherebbe l'iter. Ma, nel caso non arrivassero i fondi da Roma, siamo pronti ad avviare in poche settimane questo bando". "Laddove siano disposti a collaborare con l'amministrazione comunale mostrando sensibilità nel rispetto e la valorizzazione del patrimonio - ha detto Maggioni - gli sponsor sono i benvenuti, anche per singole manutenzioni, pur sapendo che l'appeal della sponsorizzazione del ponte di Rialto, la cui opera di rimozione dei graffiti inizierà questa settimana, con un piccolo ritardo dovuto al maltempo, mentre quella delle indagini per il restauro - che poi avverrà a stralci, non prevedendo mai l'intera chiusura del ponte - partirà la prossima, è ben differente da altre opere. Ma questo deve rimanere un canale assolutamente parallelo e non alternativo: il settore pubblico non deve mai pensare di potersene lavare le mani e non finanziare nulla".

Il futuro del ponte dell'Accademia è quindi quello del restauro. "L'iter avviato dall'amministrazione precedente per il rifacimento ex novo - ha ricordato l'assessore - non ha avuto nessuna risposta e la successiva proposta avanzata dall'impresa Schiavina, fatta in base a trattativa privata, è stata bocciata dal Ministero. A questo punto abbiamo avviato l'iter procedurale per il solo restauro, con un costo di due milioni anziché i sei previsti per il rifacimento totale, attraverso la sostituzione dei materiali vecchi con materiali nuovi".

Cifra che corrisponde più o meno a quella spesa per l'ovovia del ponte della Costituzione di Calatrava: "Quel milione e ottocentomila euro - ha rilevato l'assessore - avrebbe potuto essere speso in altro modo, per essere più utile alla città". (Ansa)

Attendere un istante: stiamo caricando il sondaggio...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento