Resti umani ad Albarella: potrebbe trattarsi di Isabella Noventa

I recenti ritrovamenti ossei sulla spiaggia rodigina saranno oggetto di analisi approfondite. La procura di Padova indaga su un possibile collegamento con il giallo del 2016

Isabella Noventa potrebbe essere stata gettata nelle acque del Brenta e aver raggiunto l'Adriatico? Forse. Una suggestione per il momento, sulla quale - scrive PadovaOggi - la procura intende fare degli accertamenti. La vicenda è emersa in seguito al ritrovamento di resti ossei sull'isola di Albarella, nell'area del delta del Po.

Un mistero lungo tre anni

Quella del cadavere abbandonato nel fiume era stata la prima versione fornita da Freddy Sorgato a meno di un mese dalla scomparsa della segretaria di Albignasego il 16 gennaio 2016. Versione che dopo tre anni e mezzo (e le condanne a 30 anni per Freddy e Debora Sorgato e a quasi 17 anni all'amica amante dell'uomo, Manuela Cacco, di Camponogara) non ha ancora trovato conferma. Le ipotesi sul corpo mai ritrovato si sono susseguite senza il minimo indizio tangibile sui suoi resti.

I ritrovamenti

Il 20 agosto ad Albarella due turisti hanno visto emergere dalla sabbia della spiaggia libera un frammento osseo repertato come una mandibola. Forse di origine umana, come farebbero pensare i denti rimasti attaccati al brandello d'osso. Quattro giorni più tardi nella stessa zona il secondo ritrovamento, con un altro frammento riconducibile a un bacino o a un femore. Elementi raccolti dai carabinieri che hanno informato l'autorità giudiziaria polesana, che a sua volta ha diramato alle questure un avviso per capire se vi siano persone scomparse che mancano all'appello. A Padova manca lei, Isabella.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini

Un caso ostico, su cui mancano la parola "fine" e l'unico modo per ottenerla: la prova regina, il cadavere. O quel che ne resta. Il 6 settembre il sostituto procuratore Sabrina Duò incaricherà il medico legale di analizzare i frammenti. Se risulteranno essere umani e con una datazione compatibile con l'epoca della scomparsa della Noventa, il loro dna verrà confrontato con quello della donna.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale fra una Punto e un camioncino, muore una ragazza

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Cade in acqua lungo la Riviera del Brenta e perde la vita

  • Un motociclista morto in un incidente stradale

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento