Il Goldoni diventa green, tecnologico e sostenibile

Conclusa la prima tranche di lavori per l'adeguamento dell'impianto elettrico del teatro. Sono in arrivo anche nuove poltrone e un'app per la traduzione simultanea degli spettacoli

Dall'adeguamento dell'impianto elettrico al restyling della sala, dall'app per la traduzione simultanea alla riduzione delle emissioni di CO2. Grazie all'impegno del Comune di Venezia e del Teatro Stabile del Veneto, il Teatro Goldoni si presenta sempre di più come un teatro accogliente, tecnologico e sostenibile. 

Conclusa la prima fase dei lavori 

Si è appena conclusa la prima tranche di lavori per l'ottenimento del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) che porterà all'adeguamento dell'impianto elettrico (quello originario risaliva al 1979 e nel tempo aveva subito vari interventi di adeguamento, ma senza una progettazione generale di coordinamento) e del sistema di vie di esodo di ogni ordine di palchi nonché ai livelli terra, platea/palcoscenico e sottotetto e l'installazione di porte tagliafuoco. Un intervento indispensabile per la messa a norma del teatro che ha  richiesto un investimento complessivo da parte del Comune di 1,2 milioni di euro. 

Un teatro sempre più green 

Tra gli interventi realizzati anche la sostituzione in tutto il teatro delle lampade alogene con lampadine a led dimmerabili di ultimissima generazione per un totale di 1480 lampadine sostituite. Ma la vera novità di quest'anno è il restyling della sala: oltre ai 500 metri quadrati di moquette verranno sostituite tutte le 330 sedute della platea per un investimento complessivo previsto per il 2020 di 250mila euro. Il vecchio modello di "poltrona Goldoni" verrà sostituto con una nuova versione caratterizzata da un design moderno, da materiali più resistenti e durevoli all'usura del tempo, da un facile sistema di montaggio e da una struttura più comoda e confortevole che presenta la possibilità di sedile riscaldato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Teatro tecnologico

Entro il 2020 verrà installata anche un'infrastruttura che renderà il teatro tecnologico e accogliente anche per il pubblico internazionale. Grazie a una nuova app, infatti, chiunque potrà seguire gli spettacoli recitati in lingua originale grazie alla traduzione simultanea in più lingue. I cellulari a teatro non saranno più un problema perché l'applicazione azzera la luminosità dei display di tutti i dispositivi. Dalla necessità di cambiare le tendine, invece, è nato un progetto a cui hanno preso parte tutte le maestranze del Goldoni: palchetto per palchetto, sono state smontate tutte le tendine della sala, recuperato ogni singolo pendaglio di vetro, cuciti i nuovi tessuti, interamente composti di materiale ignifugo, e rimontati nei palchi; 130 tendine, 5mila pendagli per 250 ore di manodopera divise tra il lavoro delle sarte e di chi ha smontato, ricercato nuovi tessuti, lavato e rimontato per donare al teatro un rinnovato splendore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento