menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ricci: «Per ora la variante indiana non preoccupa. Stiamo verificando i casi veneziani»

La direttrice dell'istituto zooprofilattico delle venezie ha spiegato che «c'è un link epidemiologico con un paese extra Ue» e che i due sono stati regolarmente isolati

La variante indiana rilevata in Veneto non è autoctona ma "importata" da due persone residenti a Bassano risultate positive a questa nuova mutazione: i due, padre e figlia, erano appena rientrati da un viaggio in India, come specificato oggi in conferenza stampa da Antonia Ricci, direttrice dell'Izsve (Istituto zooprofilattico sperimentale delle venezie).

La variante indiana «è stata identificata subito», ha spiegato Ricci, sottolineando che al momento l'Italia «è tra i Paesi che sequenziano di più al mondo». Il tema della variante indiana potrebbe toccare anche Venezia, dove sono stati individuati due casi sospetti: «Sicuramente c'è una mutazione, ma siamo in attesa di avere l'esito completo», ha detto Ricci. «Anche in questo caso c'è un link epidemiologico con un paese extraeuropeo, probabilmente il Bangladesh: intanto sono state prese tutte le misure di isolamento per ridurre il rischio, ricordo che in caso di varianti la quarantena è di 14 giorni». Queste persone «non hanno trasmesso l'infezione fuori dalla famiglia, forse solo a un convivente».

Per ora la variante indiana non preoccupa particolarmente: «Oggi non ci sono certezze rispetto ad una sua maggiore pericolosità o contagiosità - ha specificato Ricci - o alla sua capacità di sfuggire ai vaccini». Però «presenta alcune mutazioni in specifiche posizioni che ci fanno sospettare che gli anticorpi possano essere meno efficaci, un po' come la brasiliana. E se questo fosse confermato diventerebbe una delle varianti preoccupanti la cui diffusione deve essere controllata e limitata il più possibile». In ogni caso, ha ricordato, «nei paesi in cui la vaccinazione è a buon punto si dimostra come i vaccini abbiano un'efficacia molto alta» anche contro le varianti: «quando la popolazione è coperta in modo massiccio si ha il controllo dell'epidemia».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento