Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Fiumi di cocaina nella terraferma veneziana, arrestato anche l'ultimo ricercato

Era fuggito in Tunisia per evitare l'arresto. Dopo due anni i carabinieri lo hanno intercettato in Italia

E' stato arrestato nei giorni scorsi, nella terraferma veneziana, un 35enne tunisino, l'ultimo ricercato dal 22 marzo 2018, data in cui era stata smantellata l’intera organizzazione criminale nell’ambito dell’inchiesta denominata “Cometa” sul traffico di droga. 

L'uomo all’epoca dei fatti aveva trovato rifugio in Tunisia per evitare l’arresto, ed è stato individuato dai carabinieri del nucleo investigativo di Venezia poco dopo aver rimesso piede nel territorio nazionale. Insieme al fratello 34enne era ritenuto al vertice di un gruppo composto da persone di nazionalità albanese, tunisina e italiana che, tra novembre 2016 e ottobre 2017, spadroneggiava nella terraferma veneziana rifornendo di cocaina oltre un centinaio di clienti, in particolare nei parchi pubblici del veneziano “Albanese”, “Bosco dell’Osellino”, “Hayez”, “Bosco di Mestre” e nei bar attigui agli stessi, frequentati da molti giovanissimi. L’indagine era nata dal monitoraggio di alcuni detenuti di origine albanese già in carcere, che avevano la disponibilità di cellulari con i quali mantenevano costanti contatti con l’esterno per finalizzare e dirigere le loro attività criminali, nonché per introdurre droga e anabolizzanti all’interno della struttura carceraria.

Complessivamente nel corso delle indagini erano state arrestate 7 persone in flagranza di reato e 6 in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare, con il sequestro di circa 500 grammi di cocaina, 2 chili di hashish, un centinaio di pastiglie anabolizzanti e il sequestro preventivo, ai fini della confisca, di beni per un valore complessivo di 109.660 euro, derivanti dal calcolo delle cessioni di droga effettuate dagli indagati. Solo pochi giorni prima della cattura dell’ultimo membro del gruppo, sempre nell’ambito della stessa indagine, a Catania è stato rintracciato anche un 23enne albanese, destinatario della misura del divieto di dimora nel territorio della provincia di Venezia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiumi di cocaina nella terraferma veneziana, arrestato anche l'ultimo ricercato

VeneziaToday è in caricamento