menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Staminali e rigenerazione ossea Ca' Foscari studia le nuove cure

I ricercatori dell'ateneo veneziano hanno appena avviato il progetto "Rigenera": durerà tre anni, con la collaborazione di un'azienda svizzera

Dalle staminali alla rigenerazione ossea, Ca’ Foscari studia costi e benefici delle cure innovative. I ricercatori dell’ateneo veneziano analizzeranno queste innovazioni nel campo sanitario e i dispositivi biomedici che le rendono possibili. Lo studio partirà dal caso italiano per poi estendersi alle esperienze internazionali. “L’obiettivo – fa sapere l’Università - è valutare come la tecnologia possa migliorare le cure mediche in modo sostenibile per i bilanci del sistema sanitario”.

Il progetto di ricerca, denominato “Rigenera”, è appena partito e durerà tre anni. E’ frutto della collaborazione tra il dipartimento di Management dell’ateneo veneziano e Regenlab, azienda svizzera del biotech che ha chiesto all’università di valutare tutti gli impatti dell’innovazione in sanità. “L’approccio sarà quello dettato dall’Health Technology Assessment (HTA), – spiega Salvatore Russo, ricercatore e docente di Economia Aziendale a Ca’ Foscari - in modo tale da poter analizzare le implicazioni cliniche, sociali, etiche, economiche, legali, organizzative dell’innovazione tecnologica nei processi clinici”.

Russo coordinerà un comitato scientifico e il lavoro di un ricercatore che sarà selezionato a breve tramite un bando pubblico. Le finalità delle terapie valutate comprendono rigenerazione ossea, rigenerazione di tessuti per guarire da tagli e ustioni, ma anche la medicina estetica. Gli studiosi valuteranno quanto al sistema sanitario nazionale pubblico convenga investire in percorsi di cura innovativi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento