menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto per cortese concessione dei vigili del fuoco di Venezia

Foto per cortese concessione dei vigili del fuoco di Venezia

Allarme a Sottomarina, si cerca un giovane scomparso in mare

Sul posto Capitaneria di porto e vigili del fuoco, che martedì hanno scandagliato il litorale anche con l'elicottero. Ricerche sospese in serata

Il bagnino e anche altre persone presenti in spiaggia sono sicure: quel giovane che nuotava nei pressi della boa rossa posta a 300 metri dalla spiaggia stava nuotando verso il largo per poi non riemergere più. Sparito nel nulla. Sono state ore di grossa apprensione martedì pomeriggio sul lungomare di Sottomarina, dopo che è stato lanciato l'allarme per un bagnante che si temeva fosse stato inghiottito dalle onde del mare, verso le 13 solcate da un forte vento. Condizioni di certo non proibitive, ma che avevano indotto i responsabili degli stabilimenti balneari a issare la bandiera rossa.

Per questo motivo il bagnino che poi ha materialmente lanciato l'allerta stava riprendendo alcuni giovani che si trovavano troppo lontani dalla riva. Diventava pericoloso. Due di loro hanno ascoltato e hanno fatto ritorno in aree più sicure, l'altro, sempre secondo la versione dell'uomo, avrebbe invece continuato a nuotare. All'improvviso non si è più visto. Una versione che concorderebbe con le testimonianze di altre persone presenti in spiaggia. Ma prove e tracce di questo fantomatico bagnante (a descriverlo con costume giallo e capelli biondi è solo il bagnino però) nelle ore successive non ne sono state trovate. Non una denuncia di scomparsa da parte dei familiari, non un ombrellone lasciato incustodito o un asciugamano "orfano" di proprietario.

Le ricerche naturalmente si sono fatte febbrili, con i mezzi della capitaneria di porto, della guardia di finanza e dei vigili del fuoco (con tanto di elicottero) che hanno scandagliato palmo a palmo uno specchio d’acqua di circa 100 metri di lunghezza lungo l’arenile per almeno 100 metri di profondità verso il largo, tra gli stabilimenti Astoria e Nuova Marina. Nell'immediato nel punto della presunta sparizione sono intervenuti anche gli addetti del salvataggio con i propri mezzi. Ma del giovane nemmeno l'ombra. Le ricerche sono durate fino alle 19.30, poi la sospensione. L'ipotesi che minuto dopo minuto si fa largo, però, è che si sia trattato di un falso allarme.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento