menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vuole piazzare i dipinti rubati ad un negoziante d'arte, ma la polizia lo scopre "in flagrante"

È successo nel pomeriggio di domenica a Castello. Il ricettatore è stato incastrato da un controllo delle forze dell'ordine mentre stava per raggiungere un negozio specializzato

Si è rivolto ad un noto negoziante d'arte di Castello per proporgli una trentina di acqueforti raffiguranti Venezia, ma sulle sue tracce c'era la polizia che l'ha denunciato per ricettazione. Quei dipinti infatti erano rubati. E' accaduto domenica pomeriggio a Castello, quando C.S., 39enne italiano residente in Germania, ma di fatto senza fissa dimora, è stato perquisito mentre si trovava a poca distanza da un negozio specializzato in opere d'arte.

Artista derubato poco prima

L'uomo, già con precedenti specifici a proprio carico per furto aggravato, ricettazione, porto abusivo e detenzione d'armi da taglio, è stato segnalato alla magistratura. Ciò che più conta, però, è che la trentina (per l'esattezza 29) di acqueforti finite nel mirino sono tornate in possesso del legittimo proprietario, un artista che era stato derubato poche ore prima di una cinquantina di opere. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento