menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza a Jesolo, Ascom gioca d'anticipo: "Presidio fisso e Daspo per i pusher"

Incontro tra l'associazione di categoria e l'amministrazione comunale. Chieste anche sanzioni per gli acquirenti. "Servono pattuglie come deterrente per tutta la notte"

Postazione fissa di forze di polizia, pattuglie interforze lungo l’arenile nelle ore serali, applicazione della Daspo per gli spacciatori e sanzioni a carico dei consumatori. È quanto ha chiesto la Confcommercio all’amministrazione comunale di Jesolo nel corso di un incontro (presente il sindaco Valerio Zoggia) per discutere dei problemi della zona di piazza Mazzini in vista della prossima stagione balneare. Secondo l'associazione, infatti, "il problema dello spaccio lungo l'arenile è grave, peggiora di anno in anno e le iniziative per ostacolarlo si sono dimostrate inadeguate. Passeggiare sul lungomare di sera è diventato imbarazzante ed in alcuni momenti pericoloso".

"Pattuglie in divisa tutta la notte"

“Abbiamo insistito con la necessità di un posto fisso delle forze dell’ordine in piazza – riferisce il delegato Alberto Teso – La presenza continuativa di una pattuglia in divisa, dal tramonto e per tutta la notte, è essenziale. Se il problema è dato dall’organico delle forze di polizia, proponiamo l’istituzione di pattuglie miste, come avviene ad esempio a Venezia”. E poi, continua Confcommercio, "vogliamo l’applicazione del decreto Minniti, il Daspo e le sanzioni a carico dei consumatori”. Il sindaco ha manifestato disponibilità, ma le effettive mosse dell'amministrazione si vedranno nei prossimi mesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento