Tante richieste di assistenza per i danni della grandine nel Miranese

Soprattutto per automobili e tetti crivellati. In tanti si stanno muovendo per ottenere risarcimenti dalle compagnie assicurative

Foto di Carolina Battaggia

Sono circa 10mila le auto ammaccate e centinaia le case danneggiate, secondo l'associazione Adico, in seguito alla forte grandinata che ha interessato la provincia il 13 luglio, specialmente l'area del Miranese. «Decine di persone di Mirano, Spinea, Scorzè, Noale e Martellago ci hanno contattato in questi giorni - spiegano dall'associazione - per avere lumi su come muoversi con la propria polizza o per contestare il comportamento dell’assicurazione, quando essa ponga limiti (o il rifiuto) al risarcimento». I problemi, come detto, non riguardano solo veicoli danneggiati, ma anche tetti di case crivellati, condizionatori esterni distrutti, pannelli fotovoltaici devastati e simili.

Danni nel Miranese

Tante persone si stanno chiedendo come comportarsi in questi casi: come chiedere i danni, se attivare l'assicurazione di casa o quella condominiale, come contestare l’azienda che ha installato i pannelli che si sono rotti. «È importante muoversi velocemente per non rischiare di perdere il possibile rimborso - suggerisce Carlo Garofolini, presidente dell’Adico -. Per quanto riguarda le ammaccature sull’auto, va presentata richiesta di indennizzo (possibilmente entro 72 ore dall’evento) alla propria compagnia assicurativa, sempre che la polizza contempli il danno per grandine, allegando foto che documentino il danneggiamento. Per un risarcimento più rapido, possono essere utili anche la denuncia del fatto alle forze dell’ordine, il bollettino dell'osservatorio meteo più vicino che certifichi l'avvenuta grandinata nel giorno e nell’orario indicati e/o qualche articolo di giornale».

Dopo aver ricevuto la richiesta di indennizzo, la compagnia nomina un perito che ha il compito di accertarsi che i fatti siano effettivamente andati come descritti dall’assicurato. Il perito visiona attentamente la vettura e, se non ravvede incongruenze, fa una stima dei costi di riparazione e del relativo risarcimento, tenendo ovviamente conto dell'eventuale presenza, nel contratto della polizza assicurativa grandine, di massimali, franchigie e scoperti. Da notare che certe compagnie possono proporre condizioni più favorevoli ai clienti che accettano di far riparare la vettura in una carrozzeria convenzionata con la stessa agenzia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento