rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Marghera / Via Camillo Benso Conte di Cavour

Ricollocata la targa del monumento alle Foibe: chiesta una telecamera

Si è svolta oggi la cerimonia a Marghera, il manufatto trafugato lo scorso 21 aprile è tornato a testimoniare la drammatica vicenda storica, ora si cercano misure di sorveglianza speciali

Si è svolta oggi a Marghera la manifestazione di ricollocamento della targa commemorativa dei martiri delle foibe trafugata nella notte del 21 aprile a Marghera, a pochi giorni cioè dalla Festa della Liberazione, e ritrovata dal personale di manutenzione aree verdi del Comune, chiusa in un sacco nero tra i rami di una siepe nel vicino parco di via Cavour. Essa è finalmente tornata a testimoniare la drammatica vicenda storica, sul monumento di piazza Martiri Giuliano Dalmati.

Presenti all’evento il vice sindaco Sandro Simionato, il presidente del Consiglio comunale Roberto Turetta, l’assessore comunale all’Ambiente Gianfranco Bettin, il presidente della Municipalità, Flavio Dal Corso e il consigliere comunale Simone Venturini.

È stata avanzata, nel corso della manifestazione, la richiesta di posizionare una telecamera a monitoraggio del monumento e del parco vicino. Quello definito da Simionato “un gesto idiota” è, infatti, solo l’ultimo che ha colpito il monumento, imbrattato e sfregiato più volte, nonostante la sua breve vita. In un "raid", lo ricordiamo, venne rovinato con spray di colore rosso rappresentante falce e martello.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricollocata la targa del monumento alle Foibe: chiesta una telecamera

VeneziaToday è in caricamento