Donna morta a Jesolo: è una badante italo-ucraina in vacanza sul litorale

È stata riconosciuta da un parente del marito defunto. Il suo corpo era stato trovato senza vita nei giorni scorsi in prossimità della riva all'altezza della torretta 14

Il suo corpo era stato ritrovato nei giorni scorsi a Jesolo in prossimità della riva, all'altezza della torretta 14, senza vita. Galleggiava inerme, e non erano serviti a nulla i tentativi di rianimarla dei bagnini e dei sanitari del 118. La donna, riconosciuta da un parente del marito defunto, è una 42enne italo-ucraina, impegnata come badante, che avrebbe terminato proprio in questi giorni le proprie vacanze sul litorale veneziano. Sul corpo non ci sono segni di violenza apparenti, ma il magistrato ha comunque disposto l'autopsia per togliere ogni dubbio di sorta sulle cause delle morte.

La 42enne, residente in Italia e divenuta cittadina italiana dopo aver sposato un uomo del sud, si era trasferita al Nord dopo la morte del marito. Qui aveva cominciato a svolgere lavori da badante. I suoi parenti non hanno potuto riconoscere il corpo poiché in Ucraina, per questo ci si è affidati ad un parente dell'ex consorte della donna, residente in zona. A denunciare il mancato ritorno alle forze dell'ordine, nelle ultime ore, era stata anche la direzione dell'albergo nel quale stava soggiornando la vittima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Schianto tra un'auto e uno scooter, morto un 17enne

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento