menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Era una persona d'altri tempi, mancherà tremendamente a tutta la nostra isola"

Commozione al Lido di Venezia venerdì dopo la morte di Giorgio "Riccardo" Benedetti, il ciclista 59enne travolto e ucciso da un'auto. Continuano le indagini della polizia municipale

"Era una persona come non ne nascono più. Sono persone in via d'estinzione". A parlare è Robert Buzatu, uno dei titolari del bar Da Tita, punto di riferimento di Giorgio "Riccardo" Benedetti, il 59enne lidense che giovedì pomeriggio ha perso la vita dopo essere stato travolto in pieno dalla Kia Sportage condotta da una 27enne dell'isola. L'auto lentamente ha iniziato a invadere la corsia di marcia opposta fino a travolgere due dei quattro ciclisti che stavano transitando in zona Alberoni, all'altezza del San Camillo. 

Troppo gravi le condizioni del 59enne, deceduto nonostante i prolungati tentativi di rianimazione dei sanitari del 118. Venerdì mattina, il giorno seguente alla tragedia, l'intera isola era avviluppata in un'atmosfera di tristezza e di costernazione. In tanti sono passati davanti al bar: "Ci guardiamo negli occhi e ci capiamo. A volte non servono parole - continua Robert - A volte non ci sono proprio parole". I due si conoscevano da 27 anni, visto che la vittima era nipote del vecchio titolare del locale, cui giovedì è spettato il compito di riconoscere la salma. "Non era un cliente, era un amico. Parte integrante del bar - continua Buzatu - La foto che pubblicate l'ho scattata due giorni fa. Era così sorridente e pieno di energie. Prima dell'incidente l'avevo visto a mezzogiorno. Mi hanno informato subito di ciò che era accaduto. Tutti e quattro i ciclisti erano molto esperti e bravi. Tra loro c'erano i più veloci dell'isola". 

Il pensiero indugia sempre sulla figura "distinta" di Benedetti: "Non l'ho mai sentito insultare nessuno - conclude Buzatu - Era sempre misurato con le parole ed elegante. Una persona d'altri tempi. Una persona che ci mancherà tremendamente. Oggi tengo chiuso, questo locale non sarà più lo stesso senza di lui".  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento